Excite

6 Nazioni, sconfitti dall’Inghilterra ma di poco...

Non ce l’hanno fatta gli azzurri dell’Italrugby contro l’Inghilterra, incontro valido per il 6 Nazioni, e tutto sommato ci sta perchè la partita è stata un vero spettacolo e gli azzurri hanno messo in mostra notevoli miglioramenti, arrendendosi solo nel finale sul punteggio di 17-12.

Mallet torna a parlare e dopo la sconfitta pesante contro l’Irlanda lo fa a testa alta, perché i suoi ragazzi questa volta si meritano tenti complimenti: ‘Rispetto alla partita di Dublino abbiamo mostrato progressi in tutte quelle fasi di gioco che erano state deficitarie contro l’Irlanda, soprattutto per quanto riguarda le rimesse laterali. Abbiamo anche giocato con maggiore velocità e intelligenza’.

D’altronde il risultato di 6-6 a fine primo tempo era già un traguardo e sarebbe stato perfetto riuscire a mantenerlo: ma gli azzurri cadono nella ripresa dove una palla perfetta di Armitage che libera per Tait regala la prima ed unica meta agli inglesi che sfruttano la stanchezza degli azzurri che comunque ci provano fino alla fine, infiammando letteralmente il Flaminio. Ma niente mete, sol calci ed esperienza che alla fine premiano l’Inghilterra: sul 12-14 infatti arriva il drop di Winkilson che fissa il punteggio sul 17-12 finale.

Ma va bene anche così ed il pensiero deve per forza volare alla Scozia, prossimo avversario: ‘Siamo andati vicinissimi al successo – continua Mallet - e abbiamo confermato di essere una squadra in crescita, adesso vogliamo fare bene tra due settimane contro la Scozia’.

Credo che Orlandi e Troncon stiamo facendo un grande lavoro con i reparti di loro responsabilità – continua Mallet purtroppo sempre privo di Parisse - Siamo fortunati ad avere un gruppo di atleti speciali, sempre positivi, che hanno giocato una grande partita anche senza Parisse. Anche in Irlanda, nonostante le difficoltà, non abbiamo mai mollato e oggi, a fine partita, ho visto i ragazzi delusi per non aver portato a casa la partita. Penso che questa sia la strada giusta per disputare nel 2011 un buon Mondiale in Nuova Zelanda’.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017