Excite

Alex Schwazer positivo all'Epo: dalla gioia di Pechino alla rabbia di Londra

Quattro anni fa a Pechino piangeva dalla gioia, per il titolo olimpico conquistato nella 50 km di marcia. OggiAlex Schwazer è disperato, passato dalla gloria sportiva alla vergogna. "Volevo essere più forte per questa Olimpiade, ho sbagliato - ha detto l'azzurro subito dopo la notizia della sua positività all'Epo - Meglio che non mi chieda come sto, ho sbagliato...".

Schwazer positivo all'Epo: "La mia carriera è finita"

"Non ho neppure voluto chiedergli perché‚ l'ha fatto: non ci sono giustificazioni. A 28 anni si è uomini, non più ragazzi. Alex deve crescere e cambiare vita". Le parole dure del tecnico della marcia, Michele Didoni, alla notizia della positività di Schwazer. "Mi ha telefonato - ha raccontato all'Ansa - continuava a ripetere puerilmente 'mi prendo tutte le responsabilità', senza capire che il suo gesto individuale ricadrà su tanti. La madre stava per essere ricoverata al pronto soccorso per la tensione. Tutte le persone che in questi mesi si sono adoperate per aiutarlo a tornare in alto. Come il sottoscritto in quanto suo allenatore, la federazione, l'arma dei carabinieri. Senza dimenticare i suoi cari, sua mamma oggi stava per essere portata al pronto soccorso per la tensione del momento. Non ho neppure voluto chiedergli perché‚ l'ha fatto. Perché‚ non ci sono giustificazioni".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019