Excite

Alex Zanardi al David Letterman Show: "Io un esempio? Mi sento un privilegiato"

  • Twitter

di Raffaele Natali

E' ormai uno degli italiani di maggiore successo, nel nostro Paese ed oltreoceano. Lo conferma il grande riscontro che Alex Zanardi ha avuto negli States, ospite di un mito della televisione americana come David Letterman. In uno degli show più famosi e apprezzati della tv a stelle e strisce, il pilota-atleta-presentatore (e chi più ne ha più ne metta) italiano ha mostrato tutta l' umanità e il grande coraggio che in questi anni lo hanno reso 'esempio' per tutto il nostro popolo.

Nella chiacchierata Zanardi si è mostrato agli occhi del pubblico americano con la consueta umiltà, parlando anche del dramma che ha vissuto nei giorni in cui ha visto amputate le sue gambe. Un momento toccante perché il medico che lo operò, Terry Trammell, era anche suo amico: "Sono sicuro che per lui sia stato difficilissimo comportarsi da medico e non pensare che stava salvando la vita ad un amico. Un anno e mezzo dopo sono andato in Canada per guardare una gara di Indycar e sono andato a trovarlo. Mi disse 'magari non lo comprendi, ma vederti ridere e scherzare con le persone ed essere lo stesso ragazzo che eri, è qualcosa che riesce farmi dormire la notte.' Così ho capito che cosa ha significato per molte persone quello che era successo".

Zanardi continua: "Eroe? Non scherziamo, dura è la vita di chi mette lo stesso o più impegno nella vita e fa fatica a dar da mangiare alla propria famiglia. Io sono un privilegiato e dico grazie a tutti coloro che mi regalano affetto e stima".

Guarda lo spaventoso incidente di Alex Zanardi

Grande risalto è stato dato anche alla partecipazione di Zanardi all'Ironman World Championship, l'ultima impresa dell'italiano. Una sfida in cui gli atleti affrontano 4 chilometri a nuoto, 180 chilometri in bici e 42,2 chilometri di corsa: "Sono orgoglioso di aver partecipato e concluso questa gara, è nel mio carattere cercare la giornata da leone da barattare alle 100 da pecora. Come ho fatto? Vi cito una frase che ho scritto in questi giorni e che rende l'idea..."

"E’ questa la verità, se nella vita la strada che segui è quella che altri mille hanno già aperto, non servono ottimismo e curiosità per vedere un orizzonte, basta seguire le tracce e sai che c’è perché già altri l’hanno raggiunto. E’ quando vuoi aprire una via che servono queste doti; e poi magari il percorso non è nemmeno così arduo e, certo, avere i migliori strumenti per orientarsi aiuta, ma è sapere dall’inizio dove vuoi andare che ti fa sempre ritrovare la strada.” Ecco, credo semplicemente di essere uno che sa dove vuole andare".

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017