Excite

Alpinismo, Giacomelli muore in Patagonia

Una tragedia che ancora una volta vede purtroppo protagonista un alpinista italiano, Fabio Giacomelli, travolto da una valanga in Patagonia mentre stava scendendo dalla parete est del Cerro Torre insieme a Elio Orlandi.

I due scalatori si erano arrampicati fino quasi alla cima della montagna per compiere un gesto di rispetto nei confronti di Cesarino Fava, compagno della spedizione di Cesare Maestri nel 1959, morto lo scorso anno, ed i due alpinisti volevano raggiungere la cima per depositarvi in cima le sue ceneri. Purtroppo si è scatenata una bufera ed i due non sono riusciti a raggiungere la cima, e nella discesa si è verificata la tragedia: mentre Orlandi era ancora in parete per recuperare il materiale Giacomelli ha iniziato la discesa, venendo travolto in pieno alla base della parete est.

Il tutto si è verificato il primo gennaio, ma la notizia è stata data solo oggi, dopo che per quattro giorni Orlandi ha scavato sotto la neve alla ricerca del compagno travolto, ritrovandolo purtroppo già senza vita. Ancora una tragedia sulle montagne, eventi che fanno male e che ci ricordano che nonostante l’esperienza (Giacomelli aveva aperto nuove vie nelle Dolomiti e negli ultimi 4 anni si è sempre dedicato alle scalate in Patagonia) la montagna rimane sempre uno dei luoghi più insidiosi del pianeta.

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017