Excite

America’s Cup: troppo vento ancora fermi!

Insomma prima non c’è vento, poi ce n’è troppo, fatto sta che questa benedetta Coppa America di cominciare non ne vuole sapere. Gli equipaggi sono pronti quasi da una settimana per partire, così annoiati che non trovano niente di meglio da fare che schernirsi a suon di vignette o, da buoni marinai, spintonarsi un po’ e quasi arrivare alla mani.

In ogni caso la maledizione della 33° Coppa America non ha intenzione di mollare, e così oggi, a causa del vento troppo forte non c’è verso di muoversi e le barche rimangono legate al molo do Valencia, in attesa che partano le Olimpiadi di Vancouver e tutta l’attenzione mediatica vada a farsi benedire, però in Canada!

Insomma un’edizione più brutta di questa forse non s’è mai vista, a cominciare dalle premesse: due anni di tribunali, battibecchi, querele e processi per ogni minima sciocchezza, tutto nel rispetto di quel regolamento così antico e bigotto che poi gli stessi equipaggi infrangono venendo quasi alle mani: e ora pure il vento che non vuole arrivare, come a rimarcare il fatto che forse Valencia non è forse il posto migliore per questa competizione: ben lontani i tempi della California, dell’Australia o della Nuova Zelanda con tante barche a darci emozioni.

Vento o meno speriamo che prima o poi questa Coppa America prenda il largo, se non fosse almeno che così la possiamo mettere da parte e sperare che qualcuno pensi seriamente al disastro di questa edizione. Se l’America’s Cup tornerà ad essere l’affascinante sfida di qualche anno fa ben venga il suo spettacolo, ma se altro non deve essere che una sfida tra miliardari per vedere chi ce l’ha più lungo, il catamarano s’intende, che la facciano pure nei loro esclusivi yacht club privati!

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017