Excite

Arianna Follis oro Mondiale nel fondo

Alla grande! Arriva l’oro e arriva in una delle più classiche delle competizioni, il fondo individuale, e lei è li, bella come lo era Stefania Belmondo dieci anni fa a Ramsau, ma lei sta a Liberece si chiama Arianna Follis. Trentadue anni ed una medaglia inseguita da una vita dopo tanti buoni piazzamenti, cominciati nel 2005 con la staffetta di bronzo poi abbinata al bronzo olimpico sempre in staffetta, quindi proseguiti con il bronzo nella 10 km a tecnica libera di Sapporo nel 2007. Timida fuori pista, un killer con le avversarie, non lascia scampo e soprattutto non ce n’è, né per la prima medagliata americana del fondo, Kikkan Randall, né l’ex iridata della specialità nel 2001, la finlandese Pirjo Manninen.

"Ho fatto la gara perfetta, sempre a stare dietro, seconda nelle qualificazioni, poi nei quarti e in semifinale, mi sono tenuta le energie per la finale quando ho deciso di attaccare al momento giusto e nel rettilineo finale mi sono reso conta che stavo vincendo, temevo la beffa ma stavolta non potevo perdere – continua Arianna - stavo bene, ero serena, avevo dormito tranquilla...". Un po’ meno tranquille dormiranno le avversarie, che negli occhi avranno ancora la Follis che scatta come una lepre e porta a casa la medaglia più bella. Brava!

Male invece gli uomini dove a vincere sono i due norvegesi Hattestad e Kjoelstad,mentre il bronzo è andato Morilov. Fulvio Scola ottavo, secondo nella finale B. Out nei quarti Zorzi e i fratelli Pasini, con grandi rimpianti.

Solo tanta felicità per la Follis che ha fatto commuovere tutti: anche suo fratello Leonardo, tragicamente scomparso in una valanga, starà sorridendo orgoglioso di lei.

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017