Excite

Atletica in crisi, si punta sui giovani per rinascere

L’atletica leggera azzurra, come hanno purtroppo ben dimostrato i Mondiali di Berlino, è in profonda crisi di risultati e questo è sotto gli occhi di tutti, ma quello che forse non sono in molti a sapere è che, nonostante tutto, nell’ultimo anno è cresciuto in maniera esponenziale il numero dei tesserati (163.948 lo scorso 31 dicembre) ma così tanti negli ultimi 10 anni, di cui 3666 under 16 dei nuovi 10.693 tesserati.

Numeri che piacciono, soprattutto in vista del rilancio che logicamente ci si attende da questa specialità nella quale l’Italia ha il dovere di ben figurare, anche se il primo obiettivo, come sottolinea il presidente della Fidal, Franco Arese, è quello di recuperare i grandi campioni che un po’ si sono persi per strada: ‘Dopo la debacle di Berlino 2009 ci siamo interrogati e ripartiamo dal messaggio positivo che viene dai recenti Stati Generali dell'atletica. Vincere è difficile, fare risultati è complicato, ci aspetta un anno difficile in cui speriamo di far bene evitando gli errori del passato’. Assolutamente necessario ritrovare il marciatore Alex Schwazer letteralmente cotto a Berlino dopo l’oro alle Olimpiadi, o Andrew Howe per il quale Arese assicura ‘stiamo facendo il possibile’, anche se ormai lo si nomina solo per reality show e pubblicità in tv.

C’è poi una generazione di atleti pronti a fare il salto di qualità come la lanciatrice del martello Clarissa Claretti, il quattrocentista Claudio Licciardello e il marciatori Marco De Luca e Giorgio Rubino, tutta gente buona per Londra 2012, come ci si augura lo saranno anche qui giovani under 20 come Alessia Trost, Jose Reginaldo Bencosme de Leon e Giovanni Galbieri che si sono distinti ai recenti campionati del mondo Allievi di Bressanone e che saranno letteralmente allevati nel 'progetto College' da Gabriella Dorio, Stefano Baldini e Fabrizio Mori: insomma campioni al servizio dei giovani.

I prossimi appuntamenti sono i campionati Europei di Barcellona in programma dal 27 luglio all'1 agosto e la Coppa del Mondo di marcia: l’Italia deve rispondere ‘presente’.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017