Excite

Calderoli vs Montezemolo atto II: la replica del Presidente

Montezemolo non ci sta! Alle accuse arrivate ieri dal Ministro Calderoli che ne chiedeva la testa come sacrifico dopo la sconfitta della Ferrari di domenica, il Presidente della Ferrari non fa attendere la sua risposta: 'Parliamo di cose serie... Qualunque dichiarazione per mera speculazione politica non scalfisce minimamente lo straordinario impegno e la capacità degli uomini e donne delle Ferrari di cui sono orgoglioso. Io non mi dimetto’.

Disastro Ferrari: errore dei box e Vettel è campione del mondo

E non capiamo nemmeno chi si compiace con l'autoflagellazione – prosegue nella sua nota - , chi si crogiola nella cultura del tutto sbagliato, tutto da rifare. Sono vizi molto italiani, che dovremmo imparare a scrollarci di dosso. Per tutti noi è una giornata difficile. La notte non ha diminuito l'amarezza per un epilogo triste di una stagione comunque straordinaria. Siamo rimasti sempre uniti, come una vera squadra, come gli uomini della Ferrari sanno fare: stringendo i denti e non mollando mai la presa’.

Il day after di Alonso: ‘Abbiamo sbagliato la strategia’

Siamo tornati là dove la Ferrari deve essere - continua- , in lotta per la vittoria: se, a parte due eccezioni, è dal 1997 che arriviamo alla fine della stagione o da campioni del mondo - sono 14 i titoli conquistati - oppure in lizza per la vittoria finale, vuol dire pur qualcosa. Nello sport, ricordiamocelo sempre, il confine fra la vittoria e la sconfitta è sempre molto sottile e bisogna saper accettare quando si perde così come si deve vivere con sobrietà il successo. Quando lo statista Calderoli nella sua vita avrà realizzato l'1% di quanto fatto in questi anni dalla Ferrari per il Paese in termini industriali e sportivi, a quel punto meriterà una risposta’.

E se servisse una controprova alle parole di Montezemolo ecco anche cosa risponde Alonso a chi accusa la squadra di avere le principali responsabilità di questa disfatta: ‘Siamo una squadra. Vinciamo e perdiamo tutti insieme, è inutile stare a cercare chi ha sbagliato. Ora è inutile stare a cercare chi ha sbagliato: un mondiale che svanisce per quattro punti dopo 19 gare può essere stato perso in tante occasioni, non solo alla fine. Noi siamo una squadra: vinciamo e perdiamo tutti insieme’.

Sono felice di essere alla Ferrari – conclude Alonso - , di sentire insieme a tutti i nostri uomini e alle nostre donne l'orgoglio di far parte di questa famiglia e della sua storia straordinaria. Siamo un grande gruppo e lo dimostreremo soprattutto in questo momento così difficile, dove l'amarezza si fa sentire forte dentro ognuno di noi’.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019