Excite

Ciclismo, ancora una tragedia: trovato morto Sagasti

Altra tragedia nel mondo del ciclismo a pochi giorni dalla scomparsa di Dimitri De Fauw: Agustin Sagasti, ex corridore dell'Euskaltel è stato ritrovato morto in casa delle madre.

Una carriera sfortunata quella del 39enne ciclista spagnolo che ha legato in maniera inscindibile il suo nome a due avvenimenti che gli hanno segnato la vita. Il primo è la vittoria del 1994 della prima frazione della Vuelta al Pais Vasco, un successo ottenuto con la sua squadra, la Euskaltel appunto e che fece ben sperare per il suo futuro, e poi il drammatico incidente avvenuto a soli 24 anni, quando fu travolto da un’auto durante una gara nelle Asturie, dramma che lo costrinse prima in coma e poi a diverse operazioni a gambe e braccia che ne compromisero la carriera.

Da qui in poi un lungo tunnel di depressione che lo hanno portato alla morte, anche se non ancora del tutto chiare le modalità nella quale questa è avventura, anche se c’è chi ipotizza che l’ex professionista abbia deciso di farla finita dopo tanti anni di sofferenze.

Quel che è certo è che il ciclismo si sta addentrando in un periodo sempre più nero. Solo un mese fa un’embolia polmonare aveva stroncato Frank Vandenbroucke, mentre è di pochi giorni fa la scomparsa del ciclista belga Dimitri De Fauw, episodi che, oltre a gettare nel lutto e nello sconforto un mondo sempre più segnato da inspiegabili tragedie, dovrebbe anche porre seri interrogativi su ciò che sta accadendo.

Guarda questo video dedicato alla Euskaltel e a Sagasti

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017