Excite

Contador attende la Wada e contrattacca

Niente sarà come prima e quello che ho vissuto lo ricorderò per sempre’. Comincia così l’intervista di Alberto Contador al quotidiano spagnolo ‘Abc’, riferendosi a tutta quella questione doping che lo ha interessato in questi mesi e che, per ora, grazie all’assoluzione ottenuta dalla Federciclo spagnola, sembra si sia risolta per il meglio (almeno per lui).

Rivivi le tappe della vicenda doping di Alberto Contador

Al momento né la Wada né l’Uci si sono fatti sentire, ed avendo solo un mese per contestarne l’assoluzione bisognerà capire se decideranno seriamente di farlo oppure questa vicenda finirà nel dimenticatoio, intanto Contador passa all’attacco del sistema doping: ‘Non ci sono norme chiare e si applicano o meno in funzione delle pressioni. A certi laboratori si impone di rintracciare quantità minime, ad altri no. Voglio solo che rifletta sul mio caso – continua lo spagnolo riferendosi alla Wada - , lo studi e possa elaborare una nuova normativa per il futuro, io non ho fatto nulla’.

Infine in tutto questo postribolo mediatico che lo ha coinvolto Contador ringrazia la sua Spagna che lo ha sostenuto e che secondo lui: ‘E’ preparata e all'avanguardia in materia antidoping. Mi sorprende che la si critichi e giudichi senza avere le informazioni giuste, molte cose uscite sui giornali sono solo bugie’.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019