Excite

Philippe Gilbert si prende la Freccia Vallone

Ancora Gilbert. Se il buongiorno si vede dal mattino il belga di 28 anni dell’Omega-Lotto può ben sperare in questo 2011 cominciato per lui alla grandissima: nell’ordine in pochi giorni sono arrivati successi nella Freccia del Brabante, all’Amstel Gold Race (domenica) ed infine alla Freccia Vallone.

A proposito di classiche: rivivi la Parigi-Roubaix 2011

Nessuno può farci niente quando Philippe Gilbert vede il traguardo del Muro di Huy della 75° edizione di questa grande classica, 1300 metri devastanti per la fatica con pendenze fino al 26%, che il belga si mangia con tutto l’asfalto nei 300 metri finali dove stacca alla grande per andare a tagliare il traguardo in velocità.

Dietro di lui lo spagnolo della Katusha (2° come nella Freccia Vallone 2010 dietro ad Evans), mentre al 3° posto un altro che ha cominciato l’anno molto bene, l’altro spagnolo Samuel Sanchez, dell’Euskaltel, tutta gente che non si è risparmiata nemmeno un po’. Chi lo ha fatto invece sono stati gli azzurri per il quali le note positive sono difficili da trovare dopo le tante aspettative: il migliore è Rinaldo Nocentini, 31° a 36’’, mentre finiscono molto più giù Ivan Basso e Danilo Di Luca, mentre a terra ci finisce Damiano Cunego a 40 km dall’arrivo.

Delude comunque anche Alberto Contador che taglia il traguardo all’11° posto lasciando tutta la gloria a Gilbert che ora come ora è definito ‘imbattibile’; lui lo sa e punta diritto alla prossima classica, la Liegi-Bastogne-Liegi: ‘Ci arrivo come volevo. Se questa vittoria mi farà essere ancora più controllato? No, ero già tra i favoriti. Non cambia niente’.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019