Excite

Contador sempre più nei guai: avviata la procedura disciplinare

Si comincia. C’era da aspettarselo, d’altronde si parla pur sempre di Alberto Contador, il vincitore dei Tour de France 2007, 2009 e 2010: ecco allora che alla fine è arrivato l’ok per avviare una procedura disciplinare contro il campione spagnolo risultato positivo al doping dopo un controllo effettuato durante l’ultimo Tour de France 2010.

Al termine di una lunga e minuziosa inchiesta, affidata ad esperti altamente qualificati accredidati dalla Agenzia Mondiale Antidoping (Wada) - si legge in un comincato -, l'Uci vede la necessità dell'apertura di una procedura disciplinare contro Alberto Contador. A questo proposito è stata inoltrata richiesta alla federazione spagnola, che è competente in materia, ed a cui spetta stabilire se Contador abbia violato il regolamento antidoping. Ma fino al termine della procedura, e nonostante la sospensione dalle corse già entrata in vigore, per il corridore deve valere la presunzione d'innocenza’.

I rischi sono tanti e c’è poco da scherzare. Contador infatti essendosi dichiarato innocente rischia uno stop di due anni e, nonostante la possibilità di ricorrere al Tas di Losanna, ha già fatto sapere che nel caso si arrivasse al massimo della pena deciderebbe per il ritiro dalle corse: ‘Questa richiesta è una situazione normale ed era quello che ci aspettavamo – ha dichiarato il suo agente, Jacinto Vidarte -. Ora tocca alla federazione spagnola emettere una sentenza. Alberto presenterà tutti i documenti e proverà che si è trattato di un caso di contaminazione alimentare’.

Dopo il processo di gestione dei risultati delle analisi di Alberto Contador da parte dell'Uci, e i successivi studi condotti dalla stessa Uci e dalla Wada – ha comunicato la federazione spagnola di tutta risposta - , questa federazione ha ricevuto dai servizi antidoping dell'Uci tutta la documentazione relativa al caso e il sollecito che si inizi un procedimento disciplinare, che compete al Comitato di Competizione e Disciplina Sportiva della Rfec. Pertanto la Rfc provvederà, in maniera immediata e in accordo con l'ordinamento sportivo internazionale, nel ristretto ambito delle proprie competenze, ad attivare tutte le componenti necessarie per risolvere la questione’.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019