Excite

Contador: la difesa della bistecca continua

Quattro controlli effettuati nel giro di pochi giorni dal 21 luglio in poi, e piano piano il tasso di clenbuterolo che diminuisce: questa sarebbe la prova concreta del fatto che Alberto Contador non avrebbe fatto ricorso a sostanze dopanti, continuando anzi a sostenere che la colpa di una bistecca contaminata.

Leggi tutta l’evoluzione della vicenda doping che ha investito Contador

La notizia rimbalza oggi su tutti i quotidiani spagnoli che ha avuto accesso ai documenti inviati dalla Federciclo di Madrid (Rfec) a Contador e Uci, infatti la riduzione da 50 picogrammi, a 17, 7 ed infine la scomparsa definitiva starebbero a significare il fatto che l’assunzione non sarebbe avvenuta in modo diretto, ma per via di una contaminazione.

Di contro c’è la posizione della Rfec che ritiene validi i controlli di qualità dell'Unione Europea, e a questo punto non rimane che attendere la decisione definitiva della Federciclo spagnola, e ricordiamo che Contador rischia una squalifica di un anno, che è attesa nei prossimi giorni.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018