Excite

Il cricket, come si gioca? Ecco tutte le regole principali

Avete mai provato il cricket? Di certo in Italia non è uno sport diffusissimo, ma in zone del mondo come l’Asia (Bangladesh, India, Pakistan e Sri Lanka) l'Africa (Sudafrica e Zimbabwe), l'Oceania (Australia e Nuova Zelanda) e addirittura l’Inghilterra e l’Irlanda, è uno degli sport maggiormente praticati... e allora è bene tenersi informati, onda evitare brutte figure finendo sull’argomento.

IL CAMPO: Innanzitutto a cricket si gioca in 11 su campo in erba dalla forma ovale o rettangolare e dalle dimensioni non precisate, quello che conta veramente è una corsi, di solito di erba più corta, che pitch che rappresenta l'area di lancio, ai cui due estremi sono posti tre paletti che formano il wickets.

REGOLE DI GIOCO: Si gioca in due inning, termine usato anche nel basaball con il quale questo sport presenta molte somiglianze, solo che in un inning è presente sul campo tuta una squadra con il preciso compito di lanciare la palla e difendere il campo (fielder), mentre un solo avversario per volta si occupa della battuta, sostituito da un suo compagno quando viene eliminato: si procede così fino eliminazione del decimo battitore, poi dopo la pausa le due squadre si invertono i ruoli. Lo scopo del gioco è uno solo: non farsi eliminare quando si è in battuta e cercare di portare a casa più punti possibile, viceversa eliminare tutti i battitori della squadra avversaria.

COME SI REALIZZANO I PUNTI: Conquistare basi fa salire il proprio punteggio. Un volta che la palla è stata lanciata, il battitore deve cercare di colpirla con la sua particolare mazza piatta (di lunghezza non superiore a 96,5 cm mentre la parte piatta, fatta esclusivamente di legno, non deve superare i 10,8 cm in larghezza) più lontano che può, in modo da poter correre verso la base successiva e toccare il terreno oltre la popping crease con la mazza prima che gli avversari recuperino la palla: ogni volta che i battitori si scambiano di base viene assegnato un punto chiamato anche corsa. Esistono poi tutta una serie di punti aggiuntivi extra-runs e penalizzazioni che vale la pena conoscere onda evitare spiacevoli sanzioni sul campo da gioco, ma per i battitori è bene ricordare di tentare sempre colpi lunghi: se infatti la palla varca il boundary (bordo campo) senza toccare terra sono 6 punti garantiti.

    Riassumendo i ruoli del cricket sono:
  • Lanciatore: lancia la palla ai battitori e lo deve fare con il braccio teso per tutto il lancio, e rimane in campo per almeno 6 lanci poi deve essere sostituito.
  • Battitore: si posiziona sulla batting crease, la linea di battuta e scaglia con la mazza la palla più lontano che può. Le più comuni tecniche di battuta sono la shot o stroke, che si usa per colpire la palla in pieno con la mazza e la edge o snick, per colpire la palla con il bordo della mazza.
  • Fielder: deve recuperare più palle battute possibili nel minor tempo.
  • Il wicket-keeper è un fielder posizionato dietro il wicket del battitore durante il gioco: il suo scopo è recuperare le palle che il battitore non riesce a colpire.

Sapete, in conclusione, come recita il preambolo che precede l'elenco delle ‘Regole del Cricket’ e che introduce il breve paragrafo dal titolo ‘Lo spirito del gioco’? ‘Il cricket è un gioco che deve molto della sua unicità al fatto che dovrebbe essere giocato non soltanto secondo le relative leggi ma anche secondo lo Spirito del Gioco. Qualsiasi azione che è vista come contraria a questo Spirito causa un danno al gioco stesso. La responsabilità principale di assicurarsi che il gioco sia condotto secondo lo spirito del fair play è dei capitani’. Tenendo bene a mente questo principio, che il gioco abbia inizio...

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018