Excite

Doping, Gabriel Evans a 18 anni ammette: 'Ho preso Epo, ma ammetto l'errore'

  • Getty Images
Ha appena 18 anni ed è già finito in primo piano per un caso di doping. Gabriel Evans, giovane ciclista britannico, ha ammesso di aver assunto dell'Epo. L'atleta, già campione nazionale junior a cronometro, è stato scoperto con la sostanza vietata nella sua auto. E ha parlato del suo caso direttamente in un forum online.

Leggi anche il caso di 'non doping' che ha coinvolto il compagno di squadra di Vincenzo Nibali

"Ho comprato l’Epo il 3 agosto 2015. L’ho portata con me quando l’11 agosto sono partito per la Francia per un training camp con la famiglia di un mio compagno", ha spiegato Gabriel Evans. Le sue parole stanno destando molto scalpore, soprattutto per la giovanissima età in cui ha deciso di far ricorso al doping. Il pentimento, quindi, non sembra bastare. "Farei di tutto per tornare indietro e non ripetere l'errore", ha affermato

"L’antidoping britannico mi hanno contattato, ho ammesso tutto e mi sono ritirato dal Giro del Galles, il primo evento del calendario junior", ha aggiunto Evans. "L’unica gara che ho corso dopo avere preso l’Epo è stata il campionato britannico a cronometro. Mi scuso con gli organizzatori e con tutti quelli che ho imbrogliato", ha concluso. Ma in questo caso davvero le scuse non sembrano sufficienti. Ancora di più perché il 18enne britannico getta una luce sinistra su uno sport, come il ciclismo, che da sta cercando di migliorare la sua immagine dopo duri colpi subiti alla sua credibilità. Basti pensare ai 7 Tour de France revocati a Lance Armstrong.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017