Excite

Dopo l’ultima bravata Asashoryu si ritira

Solo qualche giorno fa l’aveva fatta davvero grossa rischiando di beccarsi una denuncia (poi abilmente schivata grazie al dio denaro..) per aver pestato ubriaco fradicio un dipendente di un night club, ma questo era solo l’ultimo di una serie di eventi che hanno coinvolto la vita del più grande lottatore di sumo di tutti i tempi, Asashoryu Yokozuna: la differenza è che questa bravata ha pesato talmente su di lui, che alla fine ha deciso di ritirarsi.

Dolgorsurengiin Dagvadorj, 29enne mongolo, è un campione senza precedenti in questo sport. In Giappone amato per essere fenomenale e allo stesso tempo odiato per il suo carattere isterico, nervoso ma soprattutto per non essere giapponese ma mongolo, cosa che il pubblico non gli ha mai perdonato nonostante i tanti successi. Una carriera tempestata di vittorie, ma anche di tanti guai, e così, dopo l’ennesimo errore ha deciso che con lo sport può bastare così.

La rissa, avvenuta dopo la conquista della 25° Coppa dell’imperatore lo scorso 16 maggio è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso e che gli ha tirato addosso le ire di tutto il Giappone: troppo indisciplinato non ha mai reso onore a questo sport disobbendo spesso a regole sacre, come quando nel 2003 aveva atterrato un avversario prendendolo per i capelli o quando ad un altro, ad incontro finito diede una sberla, o ancora quando saltò un Tour di promozione dandosi malato, salvo poi comparire in una partita di calcio di beneficenza.

Insomma il messaggio è semplice è diretto, lui è fatto così, e visto che così non va bene: ‘Lascio tutto - ha detto il mongolo -. Ho causato molti guai a tanta gente. Ora, però, sono sereno’. Il ‘Drago blu della mattina’, così si traduce Asashoryu, ha detto basta: altro incompreso fenomeno traviato dalla vita.

 (foto © LaPresse)

Guarda questo video dedicato alle imprese di Asashoryu

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017