Excite

Europei di nuoto, ci sono anche Magnini, la Filippi e Cleri

Tra i protagonisti più attesi degli Europei di nuoto di Budapest che stanno per cominciare, ci auguriamo che ci possa essere anche Filippo Magnini, due volte campione del mondo nei 100 stile libero nel 2005 e nel 2007, che oggi cerca il riscatto dopo qualche anno di buio a livello di prestazioni.

Parlando con il settimanale 'Diva e donna' Magnini parla di sé, delle aspettative e della sua presenza all’Isola dei Famosi, il programma di Simona Ventura: ‘Ora mi sento bene, finalmente. Io gareggio per vincere. Non ce l'ho fatta alle Olimpiadi e ai Mondiali per delle buone motivazioni. Sono successe un po’ di cose, il casino costumi prima di tutto: tre giorni prima della finale olimpica del 2008 non sapevo con che costume dovevo gareggiare. E' ovvio che uno non sta tranquillo. Ai Mondiali di Roma, un anno fa, mi ero allenato un po' meno, per i primi due mesi a 'L'Isola dei Famosì' e per il mio problema alla spalla. I controlli non erano stati fatti bene. Per questo, a settembre 2009, ho deciso di farmi seguire per i fatti miei, nella mia Pesaro. E i risultati si vedono’.

Si parla poi del reality, per Magnini è stato un modo per staccare un po’ la spina: ‘Solo in Italia noi atleti non possiamo prenderci delle pause. In Francia, in Inghilterra e negli Stati Uniti è normale. Se la Pellegrini avesse deciso di fermarsi per qualche mese dopo l'oro olimpico, sarebbe successo un casino. Lei è quasi costretta a fare sempre risultati’.

Ma non c’è solo Magnini, un’altra protagonista attesissima anche se ad oggi un po’ in difficoltà per i problemi alla spalla è Alessia Filippi, medaglia d’oro nei Mondiali nei 1500 sl, ma che agli Europei non potrà disputare quella gara: ‘Per questo gareggio solo nei 200 dorso. Devo preparare al meglio i Mondiali del prossimo anno. Dopo le Olimpiadi di Londra 2012 mi fermo e metto su famiglia. Due bambini, un maschio e una femmina. Giulia e Leonardo’.

Ma tanta attenzione anche su Tania Cagnotto attesa sui trampolini per stupire l’Europa e su un altro atleta troppo spesso dimenticato, forse perché gareggia in mare, ma che dobbiamo ringraziare tanto per dirne una per il primo oro conquistato dall’Italia ai Mondiali di Roma (nella 25km dopo un bronzo nella 10km), Valerio Cleri, che sarà il primo a scendere in acqua nella 10km. Contro di lui avversari di valore come il tedesco Lurz, Roberval, Diatchin e Drattsev, ma lui è deciso: ‘La mia forza è la tranquillità. Il presidente Malagò mi coccola così tanto che mi sento sempre in dovere di ripagarlo’.

Insomma a Budapest possiamo fare bene, le potenzialità ci sono, ora non resta che aspettare e vedere quanti traguardi riusciranno a centrare gli atleti azzurri.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019