Excite

F1, 4 gare per vincere il Mondiale... tensione alle stelle

Quattro gare per vincere il Mondiale: questo non è un piano, non è un’idea ma è una concreta realtà. Suzuka, Corea del Sud, Interlagos e Abu Dhabi queste sono ultime 4 tappe di un Mondiale, non si può non ammetterlo, entusiasmante, e che fino alla fine c’è stare certi ci terrà con il fiato sospeso, soprattutto in virtù del fatto che nessuno dei 5 pretendenti al titolo è effettivamente ancora fuori dai giochi.

Guarda le foto del successo di Alonso nel Gp di Singapore 2010

Inutile perdersi in difficili calcoli matematici, il punto è che nessuno è escluso dalla battaglia finale che vede Fernando Alonso inseguire a sole 11 lunghezze il leader del Mondiale Mark Webber, il quale nonostante una lieve flessione, è sempre tenace e non sarà facile scalzarlo. Ma questo campionato è imprevedibile, chiedete a Lewis Hamilton per conferma, che in due Gp ha buttato via una stagione e che c’è da sterne certi avrà il dente avvelenato nelle ultime gare. E poi Button e Vettel, tra tutti forse i meno accreditati, ma torniamo a ribadire che in una classifica corta come questa nessuno è escluso, quindi occhio a quelli davanti e quelli dietro.

Inutile fare calcoli, bisogna lavorare, essere perfetti in ogni gara e quindi ecco l’opinione di Stefano Domenicali, team principal della Ferrari: ‘Adesso in Giappone mi aspetto di trovarmi di fronte a un ritorno importante della McLaren con una Red Bull comunque sempre sui suoi livelli. Mentre noi un po' di più dovremmo soffrire’.

L’unica incognita è il Gp della Corea, non si capisce infatti se tutto sarà pronto per la data prestabilita, e siccome lì non si è mai corso non resta che ‘affidarsi ai simulatori – continua Domenicali - Quello che va capito è: cosa succede se i coreani non dovessero fare in tempo? Per annullare una gara il regolamento richiede le 'cause di forza maggiore'. Noi ovviamente preferiremmo gareggiare, magari altrove. Comunque stiamo a vedere che succede’.

Insomma i piani stanno a zero, quello che conta è vincere e portare a casa più punti possibile, questa è l’unica ricetta per il Mondiale 2010: ‘La verità - conclude Domenicali - è che in questo finale di stagione, con così tanti piloti in così pochi punti, con macchine tanto vicine dal punto di vista della prestazione è davvero impossibile fare pronostici. Bisogna solo stare concentrati, lavorare parecchio, in particolare sull'affidabilità, ed evitare di farsi giocare brutti scherzi dalla pressione’.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018