Excite

F1, c’è il Gp di Montecarlo ma la testa è altrove

Ancora nessun accordo tra Mosley e Montezemolo, anzi, alla vigilia del Gran Premio di Montecarlo, le cui prime prove libere si sono svolte ieri come tradizione, le due parti non sono mai state così lontane. Il Tribunale di Parigi ha dato ragione a Mosley, almeno sulla carta, e lui sembra voler procedere a testa bassa con il suo piano che, a questo punto, non prevede più di ascoltare la Ferrari.

Tantomeno Montezemolodall’altra parte ha intenzione di vedere la monoposto più gloriosa della F1 in bagarre con gente che al massimo ha corso in Formula 3 e su questo punto è chiaro: Abbiamo deciso di non correre in Formula 3 - ha detto Luca Cordero di Montezemolo, a margine dell'assemblea di Confindustria -. Se la F.1 diventa la Formula 3, come mi sembra, non corriamo". E punto.

A questo punto anche Ecclestone inizia a preoccuparsi, il suo ruolo di mediatore è finito e anche per lui ora si prospetta una decisione difficile, ovvero da che parte stare in questa lotta serratissima: "Sono preoccupato, non voglio che la Ferrari lasci – ha dichiarato il patron della F1 - Dobbiamo aspettare e vedere il 29 maggio data entro la quale sarà possibile iscriversi al Mondiale 2010. La Ferrari c’è sempre stata, non vogliamo perderla”.

In tutto questo nel fine settimana ci sarà anche un Gran Premio, quello di Montecarlo appunto, che ormai ha quasi un ruolo marginale, come se la stagione in corso non fosse vera, quasi si cerchi il risultato ma con la consapevolezza che va bene così, e un po’ anche, specie in Ferrari, chissenefrega, adesso c’è altro a cui pensare.

E così nella prima giornata di prove, che conta come il due di picche, nella prima sessione Barrichello era il più veloce con 1'17"189 sulla Brawn Gp, tempo fatto a pezzi nella seconda sessione da Nico Rosberg che sulla Williams ha chiuso in 1'15"243. Felipe Massa dei due ferraristi sembra quello che ne ha di più, sempre prendendo questi tempi con le dovute pinze, con un terzo posto nella prima sessione ed un quarto nella seconda, dove tra l’altro ha fatto faville Hamilton, secondo a pochi decimi da Rosberg.

"Difficile dire se ci sia stato un miglioramento rispetto a Barcellona però siamo lì insieme agli altri e questo è già un buon segnale - ha detto Massa tutto sommato soddisfatto - siamo andati bene sin dall'inizio della giornata, lavorando anche in funzione della gara. Per quanto abbiamo visto oggi, la nostra macchina sembra essere veloce e costante nelle prestazioni. In passato non amavo particolarmente questo tracciato ma, negli ultimi tempi, la situazione è cambiata. L'anno scorso ho fatto la pole – continua il ferrarista - e oggi mi sono trovato subito a mio agio, lavorando su regolazioni della macchina mai utilizzate prima. Le gomme più morbide sono sicuramente più veloci ma, dopo una decina di giri, si inizia un po' a perdere il posteriore. Dobbiamo peraltro tener presente che le condizioni della pista cambiano molto da oggi a sabato quindi irisultati odierni vanno presi con le molle".

Anche Kimi Raikkonen la pensa più o meno così: "Direi che il comportamento della macchina è abbastanza buono: ci sono ancora un paio di aree su cui possiamo migliorare ma sono soddisfatto di quanto abbiamo fatto oggi. Guidare qui è sempre una sfida, anche se poi la gara della domenica può diventare un po' noiosa: i sorpassi sono praticamente impossibili e se si finisce dietro delle macchine più lente non c'è altro da fare che restare ad aspettare il pit-stop".

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017