Excite

F1, la Toyota se ne va! Trulli e Glock sono a piedi

La Formula 1 continua a cadere a pezzi sotto i colpi della crisi economica: e così dopo l’abbandono di Honda e Bmw, nonché il ritiro previsto entro fine 2010 della Bridgestone, anche la Toyota ha dichiarato ufficialmente che così può bastare.

Ad annunciarlo è nientemeno che Akio Toyoda, il numero uno della scuderia giapponese, confermando di fatto le indiscrezioni che erano trapelate in questi giorni: "Le risorse a disposizione sono insufficienti per assicurare un team competitivo - ha detto Toyoda - La crisi che attraversa il settore dell'auto impone che siano prese delle severe iniziative. Faremo del nostro meglio per trovare una soluzione per tutti i lavoratori".

Un abbandono pesante, specie per i due piloti Jarno Trulli e Timo Glock che rimangono di fatto senza un’auto per la nuova stagione, ma una scelta obbligata per una casa automobilistica le cui vendite in Europa sono calate del 10,1% nei primi sei mesi del 2009, situazione che ha portato inevitabilmente tagli nel superfluo, come la Formula 1 appunto.

A questo punto il 2010 comincia all’insegna della crisi economica, e se per le gomme ancora non si è trovata una soluzione, dato che sia Pirelli che Michelin si sono tolte in partenza dalla bagarre che ora si rivolge al mercato asiatico con i nomi dei coreani Kumho o Hankook, per le vetture è un po’ diverso, infatti i team che vorrebbero entrare in F1 ci sono. La Lotus per esempio è un po’ che spinge e questa potrebbe essere un’occasione irripetibile, ma anche saranno la Campos Meta, la Manor e la USF1: ora toccherà al neo eletto Jean Todt dimostrare di avere la situazione tra le mani fin da subito, affinchè il 2010 non risulti un pasticcio come la stagione appena conclusa.

 (foto © LaPresse)

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017