Excite

Ferrari al contrattacco: “Quanti saremo nel 2010?”

Anche la Ferrari ormai non ci sta più. La crisi economica, ma soprattutto la crisi d’identità che ha investito il mondo della Formula 1 nell’ultima stagione, non solo è stato imbarazzante per tutto il circus, ma allo stesso tempo ha impedito di mettere a punto progetti a lunga scadenza a causa dell’instabilità politica che non garantiva certezze per il futuro, figuriamoci investimenti.

Ed ecco che sono arrivati in successione i ritiri di Honda, Bmw e Toyota, e addirittura quelle programmati a scadenza come Bridgestone; una situazione insostenibile che dal sito ufficiale del Cavallino commentano così: "Sembra una parodia di 'Dieci piccoli indiani', il romanzo di Agatha Christie pubblicato per la prima volta in Inghilterra nel lontano 1939, ma la realtà è decisamente più seria – facendo anche presente che non è solo colpa della crisi ma anche della - lotta condotta contro i grandi costruttori automobilistici da parte di chi ha gestito la Formula 1 in questi ultimi anni".

"La Formula 1 continua a perdere pezzi importanti: in dodici mesi hanno annunciato il ritiro la Honda, la BMW, la Bridgestone e, stamattina, la Toyota - continua la Ferrari -. In cambio, per così dire, sono arrivate la Manor, la Lotus, la USF1 e la Campos Meta. Dite che sia la stessa cosa, basta essere in molti seduti a tavola? Mica tanto, e poi bisognerà vedere se, l'anno prossimo in Bahrain saremo davvero così tanti sulla griglia di partenza della prima gara della stagione 2010 e quanti arriveranno alla fine dell'anno".

"La realtà è che questo continuo stillicidio di defezioni è il risultato più di una lotta condotta contro i grandi costruttori automobilistici da parte di chi ha gestito la Formula 1 in questi ultimi anni che degli effetti della crisi economica. Nel 'giallò della Christie il colpevole si scopre soltanto quando tutti i personaggi sono morti, uno dopo l'altro - concludono quelli della Rossa -. Vogliamo aspettare che accada lo stesso oppure decidiamo di scrivere il libro della Formula 1 con un finale diverso?".

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017