Excite

Ferrari soddisfatta, Sepang è già alle porte

Siamo soddisfatti del risultato di Melbourne, anche se domenica mattina ce ne saremmo potuti aspettare uno leggermente migliore’, così racconta Stefano Domenicali di come ha vissuto la scorsa domenica mattina dai box la sensazione di un Gp imprevedibile, che alla fine è girato nel verso giusto, ma che poteva pure essere un disastro.

In ogni caso ‘possiamo essere soddisfatti di aver finito terzi e quarti, in parte perchè anche i nostri rivali più vicini non hanno fatto punti o, comunque, non ne hanno presi molti. Sicuramente non siamo i soli ad essere soddisfatti del lavoro fatto nel pomeriggio della gara sul circuito di Albert Park: i fan della F1 di tutto il mondo possono dire che hanno visto una gara veramente spettacolare e tutti quelli che hanno criticato il GP del Bahrain considerandolo noioso, ora dovrebbero ripensarci. Io ho sempre sostenuto che è impossibile tirare le conclusioni sullo stato del nostro sport dopo appena un Gran Premio, ma questo non significa che ora dobbiamo sostenere che la Formula 1 è tornata a una sorta di età dell'oro’.

Insomma di positivo ci sono i punti, c’è l’affiatamento dei due piloti che per ora ancora non si sono pestati i piedi ma anzi si sono dati una mano, però è solo il secondo Gran Premio, anche se Sepang è già alle porte. Proprio questa pista preoccupa non poco il vincitore dell’ultima gara Jenson Button: ‘Sepang non si adatta alle caratteristiche della nostra monoposto - comincia così il campioncino del mondo - A Melbourne è stata una vittoria fantastica, adesso andiamo a Sepang consapevoli che le caratteristiche del tracciato, probabilmente, non si adattano alla nostra monoposto. Al di lá di questo, però, sono fiducioso: ancora una volta lotteremo al top o, comunque, saremo vicini’. E anche il suo compagno di scuderia Hamilton, dopo un week-end disastroso sotto tutti i punti di vista, cerca di risollevarsi e vedere il bicchiere mezzo pieno: ‘Sepang presenta alcuni dei migliori curvoni veloci dell'intero calendario. La nostra monoposto si adatterà al tracciato meglio di un anno fa. Quindi, conto di ottenere un risultato positivo e penso che saremo competitivi. Mi auguro che la gara sia asciutta, anche se non si può mai escludere la pioggia’.

E poi c’è la Mercedes, Schumacher non si sblocca, ma non sembra nemmeno che la macchina sia poi così competitiva come ci avevano fatto credere, in ogni caso tra Rosberg e Schumi ‘Abbiamo una delle coppie più forti - dice Norbert Haug -. Michael era fermo da 3 anni, ora è qui per essere competitivo. Potrebbe sedersi sul divano, invece è qui: questa è la sua passione. È più rilassato che mai, si diverte, è un ottimo componente della squadra’.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018