Excite

Flavia Pennetta: 'Non giocherò sabato contro gli Stati Uniti. Rientro a Bogotà", intervista esclusiva per Excite.it

  • Getty Images

di Giuseppe Latorraca - (twitter GiuseppeLatorra)

Bella, brava e spiritosa, Flavia Pennetta è una delle tenniste italiane più forti che il tennis azzurro ci abbia mai regalato.
Nel 2009 è stata la prima tennista italiana ad entrare nelle Top Ten della classifica mondiale, dopo aver vinto il torneo di Palermo, quello Los Angeles ed aver raggiunto la semifinale del torneo di Cincinnati, collezionando 15 vittorie consecutive nel circuito WTA.
Con la maglia azzurra, sotto la regia del ct Barazzutti, ha vinto ben 3 Fed Cup insieme a Francesca Schiavone, Sara Errani e Roberta Vinci.

A pochi giorni dal prossimo impegno della Nazionale italiana femminile contro gli Stati Uniti delle sorelle Williams, Excite ha contattato Flavia Pennetta per un'appassionata intervista esclusiva, che proponiamo

Flavia Pennetta: le foto più emozionanti della sua carriera

1. Flavia, come stai? Come va con l'infortunio che ti ha tenuto lontano da Us Open e Australian Open?
"Purtroppo gli infortuni capitano, ma non bisogna mai perdersi d’animo e seguire le indicazioni di un fisioterapista e di uno specialista. Questo per rimetterci il prima possibile in campo. Non bisogna mai forzare perché la tentazione è quella di continuare a giocare.
E’ chiaro che c’è un po’ di rabbia e delusione quando ti capita un infortunio che non ti permette di giocare e di poterti esprimere al meglio, ma la cosa migliore è reagire positivamente e non farsi prendere dal nervosismo. Soprattutto bisogna avere molta pazienza. Io in questo periodo ne ho avuta molta e credo proprio porterà i suoi frutti
".

Nel 2009, sei stata la prima tennista italiana ad entrare nelle Top Ten della classifica mondiale, dopo aver vinto il torneo di Palermo, quello Los Angeles ed aver raggiunto la semifinale del torneo di Cincinnati, collezionando 15 vittorie consecutive nel circuito WTA. Qual è il ricordo sportivo più bello di quel magico 2009?
"Quella è stata una stagione veramente da incorniciare, si è trattato quasi di un equilibrio perfetto tra forma fisica, costanza, concentrazione, allenamento e perché no, anche un pizzico di fortuna. Credo che proprio l’insieme di tutto questo abbia portato al raggiungimento di questi splendidi risultati, che mi hanno reso orgogliosa di rappresentare l’Italia ed il tennis femminile e sono sicura che abbia dato una giusta spinta allo sviluppo del tennis tra i più piccoli."

3. Qual è la vittoria più entusiasmante della tua carriera?
"Ce ne sono state diverse e non sempre vincolate al risultato finale; a volte alcune vittorie diventano le più belle della tua carriera anche per quello che ti trasmettono aiutandoti a crescere sia come atleta che come donna. Una su tutte è senza dubbio quella agli ottavi dello US Open del 2009 contro la Zvonareva: in quell'occasione riuscii ad annullarle 6 match-point, vincendo poi il tie-break e il 3 set per 6-0

4. Sara Errani e Roberta Vinci (con le quali hai condiviso la vittoria di 3 Fed Cup) hanno appena vinto il doppio femminile agli Australian Open, dopo le vittorie al Roland Garros e agli US Open dell'anno scorso. Tra di voi c'è rivalità vera o l'amicizia che vi lega supera la competizione sportiva?
Sono contentissima di quello che hanno fatto e che stanno continuando a fare, le guardo e le sostengo da casa proprio perché so cosa vuol dire. Abbiamo condiviso molte vittorie insieme e non c’è rivalità tra di noi, ma voglia di continuare a far bene per noi e per il tennis italiano”.

5. Tu, Francesca Schiavone, Sara Errani e Roberta Vinci  avete scritto pagine indelebili della storia del tennis azzurro, culminata con la vittoria di 3 Fed Cup.
Te la senti di dirci pregi e difetti di ognuna di voi 4?

Ogni tanto sgrido Robertina perché a volte è un po’acidella, ma quando vuole anche tanto dolce. Sara è una ragazza dalla solarità contagiosa, ma ogni tanto un po’ negativa. Francesca ha una simpatia innata ma è anche molto testarda”.

6. L'infortunio ti tiene lontana dai campi  di gioco da 6 mesi. Tornerai in campo per la sfida di Fed Cup con gli Stati uniti? O, come si vocifera, per il Wta di Bogotà?
Avrei voluto rientrare per la Federation Cup, ma parlando anche con il mio fisioterapista e con il coach abbiamo preferito ripartire direttamente da Bogotà. Non vedo l’ora, mi sento meglio e ho voglio di tornare a giocare, di respirare nuovamente l’aria del circuito e dei tornei“.

7. Qual è il tuo pronostico per la sfida di FedCup contro gli Stati Uniti delle sorelle Williams, in programma a Rimini il 9 e il 10 febbraio?
Con Serena e Venus è sempre difficile, sono delle campionesse indiscusse, ma abbiamo già dimostrato molte volte che quando si tratta di combattere non ci triamo mai indietro ed il pubblico sicuramente la farà da padrone ed io sarò li con loro per tifare Italia!

8. Com’è il tuo rapporto con il ct Barazzutti?
"Ci conosciamo da tantissimo tempo. Lo considero un grande capitano e una persona fantastica".

9. E con Gisela Dulko, la tua compagna argentina di doppio?
"Gordi è per me come una sorella. Abbiamo condiviso tutto in campo e moltissimo fuori dal campo. Ora ha deciso di ritirarsi e dedicarsi totalmente alla famiglia e alla gravidanza. Sono felicissima per lei!"

10. Com'è il tuo rapporto con i social network? Sei molto attiva su Twitter.
"Si è vero, mi piace perché molto rapido, ma mi diverto anche con il mio blog e il mio sito (http://www.flaviapennetta.it/home.php)

11. Ricordi il tuo video con le "Iene" su Moya? E' diventato un tormentone del web. Ed adesso, come va l'amore?"
"Bene, grazie! E lei?!"

12. Hai partecipato alle ultime Olimpiadi di Londra. Com'era l'ambiente al villaggio olimpico? Ci racconti un aneddoto vissuto al villaggio?
E si è vociferato di un corteggiamento di Daniele Molmenti...

"In quelle occasioni l’ambiente è favoloso, c’è tanta allegria e voglia di divertirsi, di stare insieme e condividere le proprie emozioni ed esperienze. Non ricordo degli aneddoti in particolare. Daniele l’ho conosciuto in quell’occasione e credo sia una persona simpaticissima".

Video tributo a Flavia Pennetta

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2014