Excite

Fognini compie l’impresa, avanti anche la Schiavone!

Dopo 21 ore e mezza di sospensione Fabio Fognini è riuscito ad esultare finalmente per la vittoria ottenuta contro il francese Gael Monfils al 5° set di un incontro di tennis senza fine che però ha premiato, ed è solo questo che conta, il tennista azzurro.

31 minuti per annullare una palla break sul 5 pari e poi un'altra sul 6 pari e poi avanti per 8-7 dopo che il giorno prima si era mangiato ben 3 match point sul finale dopo aver recuperato due set di svantaggio: ma oggi non è andata così perché Fognini ha avuto la forza di tirare fino alla fine e chiudere in via definitiva il match infilando 3 punti decisivi sul 2-6 4-6 7-5 6-4 9-7 e prenotando la sfida contro lo svizzero Stanislas Wawrinka. Una bella impresa quella di vincere sul centrale del Roland Garros che un italiano non raggiungeva dal 2002 quando Andrea Gaudenzi riuscì a nbattere Pete Sampras nel primo turno del 2002: ‘E' la più grande gioia della mia carriera - ha detto Fabio Fognini in sala stampa -, e voglio condividere con tutti questa mia gioia. Non è stato facile dormire dopo tutto quello che era successo ieri. Ho sognato però che avrei vinto, e così è stato. Sono contento perchè dopo aver subìto per due set il gioco di Monfils, sono riuscito a cambiare tattica e a giocare come volevo. Ho cercato di non pensare alle occasioni perdute di ieri e sono entrato in campo cercando di rischiare il meno possibile. Con i miei allenatori avevamo deciso di allungare gli scambi, e questo mi ha premiato. Oggi sono mentalmente un giocatore più forte, e questo è quello di cui vado più orgoglioso perchè è sempre stato il mio tallone d'achille. Non ho ancora avuto modo di pensare al mio prossimo avversario, ma da domani mi concentrerò solo su Wawrinka. Partirò ancora una volta non avendo nulla da perdere, e chissà!’.

E dopo la Pennetta anche Francesca Schiavone strappa il pass per il terzo turno del Roland Garros battendo con un secco 6-2, 6-2 l'australiana Sophie Ferguson dopo aver infilato la bellezza di 7 games di fila: ma ora iniziano i guai perché arriva la cinese Na Li che, seppur non sia imbattibile di certo è una che il passaggio del turno non lo regalerà. Un’altra big che invece è costretta a lasciare dopo la russa Dinara Safina è Ana Ivanovic, campionessa qui nel 2008, ma oggi battuta senza scusantiper 6-3 6-0 dalla russa Alisa Kleybanova, stessa sorte della polacca Agnieszka Radwanska, numero 8 del tabellone, piegata 7-5, 6-3 dalla kakaka Yaroslava Shvedova.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019