Excite

Formula 1, Red Bull e Lotus, sospetti da Mercedes: "I motori Renault? non li capiamo..."

  • Getty Images

La Formula 1 si avvia alla conclusione con l'ennesimo successo targato Red Bull, non risparmiando, però, striscianti polemiche. I sospetti lanciati dalla Mercedes, ad esempio. In Germania non sono molto convinti dagli exploit inanellati dalle "lattine volanti" e dalle Lotus, i cui motori sono forniti dalla Renault. Diffidenze agitate anche dalla stessa Ferrari in occasione del Gp di Singapore, liddove suonò strano, alle orecchie dei tecnici di Maranello, il sound del motore delle monoposto di Vettel e Webber.

Ecco quanto dichiarato da Toto Wolff, numero uno della Mercedes, in una intervista rilasciata al sito Autosport.com. "Tutti hanno notato un grande passo in avanti della Red Bull a partire da Singapore (proprio dove i ferraristi avevano lanciato i primi dubbi, ndr)".

"Inoltre, in Corea la Lotus è stata capace di migliorare di 2-4 decimi di secondo, un risultato davvero strabiliante", ha proseguito Wolff "Ci chiediamo cosa facciano a livello di mappatura del motore".

"Negli ultimi gran premi abbiamo accumulato un notevole ritardo nello sviluppo. Cosa hanno fatto alla Red Bull e alla Lotus? Forse modifiche nella strategia dei fluidi o c'è qualcosa che non capiamo nel set-up?" Wolff non è stato certo l'unico ad esprimere dubbi. Il taglio dei cilindri, ma anche un utilizzo più efficace del Kers, sono stati tirati in ballo da più parti.

A Singapore suonò strano il rumore dei motori Red Bull in curva. Ci fu allora chi sospettò l'utilizzo del traction control, immediatamente smentito sia da Horner che da Whiting.

MINARDI -Ecco cosa ha scritto a proposito Giancarlo Minardi, sul sito Minardi.it "...A Singapore, sulla Republic Boulevard, mi ha colpito la guida pulitissima di Vettel. Era in grado di percorrere tutto quel tratto di pista senza effettuare nessuna correzione, diversamente da tutti i suoi avversari (compagno compreso)....Sempre nel medesimo tratto di pista Sebastian era in grado di aprire il gas 50 mt prima di tutti gli altri, Webber compreso. Mentre tutti i piloti acceleravano nel medesimo punto, Vettel riusciva ad anticiparli di diversi metri...".

"....L’aspetto che però mi ha colpito maggiormente era il 'rumore' del motore emesso della RB9 in uscita. Oltre ad accelerare 50 mt prima, il Renault del tedesco 'grattava' in modo completamente diverso da tutti gli altri propulsori francesi, compreso quello di Mark. Ricordava molto il rumore emesso quando nelle stagioni passate entrava in azione (in accelerazione) il Traction Control....".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018