Excite

Formula uno: Alonso vince Hockenheim

  • Infophoto

Fernando Alonso mette il proprio sigillo sul Gran Premio di Hockhenheim, facendo fruttare al meglio la pole position ottenuta nelle qualifiche. Il ferrarista ha preceduto al traguardo Jenson Button su McLaren-Mercedes e Kimi Räikkönen su Lotus-Renault.

E' stato un gp che non si è è fatto mancare nulla, comprese le polemiche relative alla retrocessione di 5 posizioni sulla griglia di Romain Grosjean, Nico Rosberg e Mark Webber a causa della sostituzione del cambio.

A tal proposito, la gara ha vissuto il suo clou nel momento in cui un nervoso Vettel ha infilato Button piazzandosi al secondo posto proprio a due giri dalla fine, ma con un sorpasso irregolare balzato subito all'attenzione dei commissari che hanno retrocesso il tedesco al quinto posto.

Per il pilota della Ferrari si tratta di un successo fondamentale, che gli consente di allungare in classifica generale su Webber, adesso staccato di 34 punti.

"Siamo in Germania, ha vinto un piilota spagnolo su una macchina italina, E' proprio bello", ha dichiarato Alonso riferendosi alla crisi economica-finanziaria che sta battendo il vecchio continente.

"Il fattore decisivo è stata la pole, era difficile effettuare sorpassi, così sono riuscito a resistere fino alla fine agli attacchi degli altri piloti". Deluso Massa, solo dodicesimo: "C'è ancora tanto da lavorare".

Amareggiato Sebastian Vettel, a cui è stata negata la gioia del secondo posto: "Quando ho superato Jenson Button non mi sono reso conto di quanto spazio ci fosse, l'ultima cosa che volevo era avere un contatto con lui, alla fine Jenson non mi ha detto nulla".

Il pilota della Mc Laren, invece, si gode l'impresa: "E' stato fantastico tornare a lottare per i primi posti, voglio ringraziare il pubblico, davvero stupendo. Il sorpasso di Vettel? Preferisco non commentare".

Webber, ottavo al traguardo, punta già Budapest: "Oggi purtroppo la Red Bull non aveva il passo delle altre auto. Guarderemo nei dettagli questo gp per capire gli errori e presentarci all'Hungaroring in condizioni perfette".

In casa Mercedes c'è l'amarezza di Michael Schumacher, che davanti ai propri tifosi è costretto ad accontentarsi del 7°posto: "Partivo dal terzo posto conquistato nelle qualifiche, non posso essere soddisfatto. Ho dato fondo a tutte le energie della monoposto, ma non è bastato".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018