Excite

Giro, vince Pozzato ma che tensione! Oggi una tappa per Pantani!

Tutti all’attacco, è stato questo il motto della 12° tappa del Giro d’Italia che, dopo la batosta netta dell’arrivo all’Aquila con un ritardo di circa 12’’ minuti su Porte, ha visto tutti i big attaccare quasi a voler lanciare un messaggio a quelli che l’hanno fatta franca ieri, messaggio ben spiegato dalle parole di Ivan Basso: ‘Non ha una logica. Siamo vivi. Quella di mercoledì è stata una batosta ma qui abbiamo dimostrato come correremo fino a Verona, cioè lottando fino all’ultimo’.

E finalmente una tappa anche ad un azzurro, Filippo Pozzato, che è bravissimo nella volata finale ad aspettare il momento giusto per uscire, e non era facile perché i vari Basso, Nibali e Vinokourov erano tutti lì a cercare secondi preziosi da guadagnare, per fortuna non c’è Farrar e Pozzato chiude in grande stile: ‘Ho messo il cuore per questa vittoria, ne avevo bisogno. Il tempo massimo annullato a L’Aquila? Un’ingiustizia: chi non ha le gambe per fare il Giro non può essere aiutato. Noi abbiamo faticato come pazzi per restare dentro quel limite’.

Per il resto rissa sfiorata tra Cadel Evans che inizia a sentire la pressione e se la prende con Daniele Righi dopo l’arrivo, questione di chi tirava di più e chi meno, ma è più che altro una scenata dovuta a tanta stanchezza che non ha portato a nulla, anzi ha comunque perso 10 secondi, esattamente come Carlos Sastre. E a proposito di stanchezza l’ha sentita anche la maglia rosa Richie Porte, ma va bene così: ‘Nel finale ho sofferto’.

Guarda le immagini della scaramuccia in gara tra Righi ed Evans

Oggi intanto si corre la 13° tappa con arrivo a Cesenatico e c’è da stare certi che non si faranno sconti, quindi occhi ai due Gpm a Perticara (665 metri) e Barbotto ed il suo ultimo km da tirare il fiato: da lì poi giù in discesa fino all’arrivo, il tutto nel giorno dell’omaggio a Marco Pantani.

Foto: gazzetta.it – repubblica.it

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019