Excite

Gp d'Australia, Brawn Gp: doppietta in faccia a tutti

A Melbourne si corre, si sorpassa e ci si emoziona. Incredibile doppietta della Brawn Gp, incredibile poi fino ad un certo punto dati i risultati delle qualifiche, ma Janson Button e Rubens Barrichello la spuntano portando a casa una doppietta che sa di rivoluzione. Male invece la Ferrari che perde entrambe i suoi piloti, fortunato e bravo invece Hamilton che fa una gara di carattere e alla fine riesce pure a portare a casa un terzo posto niente male.

Guarda le foto

Vince Janson Button, mai in discussione e davanti a tutti fin dal principio, con Vettel che rimane alle sue spalle per tutta la gara prima di buttare tutto al vento. Dietro è bagarre per tutta la gara, con le gomme che fanno impazzire, la mescola "super-morbida" è imprevidibile e molla i piloti in media dopo dieci giri lasciando spazio a sorpassi e sorprese, e alla fine i risultati dui questo gran premio danno il via ad un campionato che sarà tutto da gustare: finisce in maniera assurda, infatti Vettel e Kubica, subito dietro Button, si scontrano a pochi giri dalla fine e Barrichello e Trulli che ne approfittano, chiudendo rispettivamente secondo e terzo, mentre quarto arriva Hamilton che però è destinato a ricevere una bella sorpresa.

Infatti i giudici di gara hanno penalizzato il pilota italiano delle Toyota per aver superato proprio Hamilton nel finale con bandiera gialla, penalty che lo ha fatto retrocedere alla tredicesima posizione, donando di fatto il terzo posto al pilota della McLaren che non sale sul podio fisicamente, la sanzione è infatti arrivata dopo i festeggiamenti, ma lo fa con il punteggio, infatti a conti fatti il terzo classificato sarà poi lui. Stessa sorte anche per Sebastian Vettel che a seguito dello scontro con la Bmw di Kubica, retrocederà di dieci posizioni nel prossimo Gran Premio in Malesia.

Male, malissimo le Ferrari. Dopo un bell'avvio per entrambe i piloti le cose si mettono male. Prima un pit-stop di Massa decisamente anticipato rispetto al previsto, poi Kimi Raikkonen che va in testacoda e sbatte contro il muretto e infine ancora la monoposto di Massa che cede per, pare, problemi di direzionalità: "Credevamo sicuramente di poter fare meglio - commenta Massa a fine gara - le BrawnGP non pensavamo di raggiungerle, era impossibile, pensavo però di poter fare una bella gara. Al primo pit-stop mi sono fermato prima perché la gomma morbida non funzionava, sono entrate in crisi dopo 5-6 giri e sono rientrato prima del previsto. La squadra ha scelto quindi le tre soste per me e due per Kimi, sfortunatamente. Mi ha distrutto la strategia perché poi è entrata la Safety car. Prima della Safety ero terzo, avevo solo otto giri per trovare vantaggio sulle macchine dietro. La strategia non mi ha aiutato. Ho perso posizioni, potevo lottare per il podio o per i primi cinque posti. Alla fine ho avuto un problema sul volante, mi ha fatto fermare". Anche Raikkonene è critico al termine della corsa, ma fa buon viso a cattivo gioco in vista della prossima gara:"Cosa possiamo farci? Questo è un tracciato particolare, qui abbiamo incontrato difficoltà già in passato. Cercheremo di far meglio la prossima gara. Io ho fatto un errore e sono finito contro il muro, ho perso aderenza e la macchina è andata via. È un brutto inizio di campionato, ma possiamo fare meglio nella prossima gara. Abbiamo il tempo per reagire. Ci aspettano circuiti diversi dagli altri, su altre piste sarà diverso. Aspettiamo la prossima gara e vediamo cosa possiamo fare. Peccato non aver preso punti".

Insomma questo Gran Premio è andato nell'unico modo in cui poteva andare, ovvero incerto fino alla fine. Ne esce a testa alta la Brawn Gp, e ne escono alla grande sia Button che Barrichello, giovane promessa finalmente espressa il primo e grande veterano il secondo. Ne esce bene anche Hamilton, che parte da dietro e arriva terzo, certo con un pò di fortuna, ma che comunque nonostante la macchina non al 100% ci mette la voglia, e aasolutamente benissimo anche la Toyota e Trulli, che già gongolava del terzo posto ottenuto e ovviamnte anche la Red Bull. Ne escono affrante le Ferrari, che possono solo lavorare in vista del prossimo Gp, anche Alonso alla fine si salva con il quinto posto. Prossimo appuntamento in Malesia, in attesa di sapere, il 14 aprile, che ne sarà dei ricorsi e contestazioni delle quali si continua a discutere.

    Ordine di arrivo:
  • 1. Button Jenson (GBR) - in 1h34'15''784
  • 2. Barrichello Rubens (BRA) - + 00.00.00.807
  • 3. Hamilton Lewis (GBR) - + 00.00.02.914
  • 4. Glock Timo (GER) - + 00.00.04.435
  • 5. Alonso Fernando (SPA) - + 00.00.04.879
  • 6. Rosberg Nico (GER) - + 00.00.05.722
  • 7. Buemi Sebastien (SVI) - + 00.00.06.004
  • 8. Bourdais Sebastien (FRA) - + 00.00.06.298

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017