Excite

Il caso Manaudou-Marin visto da Novella Calligaris

Novella Calligaris, la più grande nuotatrice italiana, affida ad Excite i suoi pensieri sulla storia Manaudou-Marin e sulle foto hard della francese apparse sul web. Nel palmares della Calligaris le prime medaglie italiane del nuoto alle Olimpiadi (a Monaco 1972 ha vinto un argento e due bronzi) e l'incredibile oro ai Mondiali del 1973 a Belgrado. A lei la parola.

Fatemelo dire: non se ne può più dei fatti personali della love affair tra la Manaudou e Marin, eppure il cloro brucia tutto ma non questo polpettone degno di una telenovela sud americana di terza categoria . Ma se si amano, se si lasciano, se si cornificano, se lanciano gli anelli, se si ritraggono nell'intimità pseudo erotica sono fatti loro.

Tutto questo interesse verso una relazione tra adolescenti sembra un rigurgito dell'epoca in cui spopolavano i fotoromanzi. Si, è vero, lei è una star nel bene, nel male, dentro, fuori l'acqua. Ma per arrivare ad essere interplanetaria doveva spogliarsi anche dai sottilissimi veli di cui sono fatti i costumi di oggi in nome dell'idrodinamicità.

A molti infatti sono interessati molto poco i tanti record iridati o le manciate di medaglie d' oro tra olimpiade e mondiali di Laure, ingordi invece in internet delle foto hard, comparse lunedì scorso.

Non avrei pensato che i suoi fans potessero mandare in crisi potenti server in tutta Europa per cliccare la visione del suo fondo schiena stellare, per altro ben visibile anche sui podi o al bordo delle piscine. Ebbene mi sbagliavo, visto che le foto pubblicate all'indomani dell'ennesima puntata della suddetta fiction o telenovela, che dir si voglia, finita a male parole con tanto di sceneggiata napoletana da una parte e dall'altra , di lancio anello di fidanzamento e denunce, hanno incollato alla rete decine di migliaia di persone.

Ai cari galletti darà fastidio che a dire basta sia stata lei e chissà quanti commenti negativi e maschilisti quando si è presentata con la nuova fiamma pochi mesi dopo che si erano giurati amore eterno. Una cosa è certa: Laure non tradisce il nuoto, per ora, in fondo Benjamin, alias la nuova fiamma, è sempre di questo sport.

Ma si sa come nelle migliori tradizioni quando l'amore finisce lascia il posto ad un'altra passione: l' odio. Io non posso immaginare di chi è stata l'idea e chi materialmente abbia messo in rete di foto hard dove la Manaudou appare come una pin up prima e poi in atteggiamenti erotici e provocatori poco credibili, ma chi lo sa parli, così ci libereremo di questo tormentone che, da fumettone rosa sta diventando un giallo o tragicommedia.

E' chiaro che l'intenzione degli attori nasce dal gioco tra adolescenti che cercano l'emozione in più, la sfida all'eccesso. Questa sfida finita sotto i riflettori diventa peccaminosa, tanto peccaminosa da attrarre tutti ad un irresistibile clic. Laure è ritratta in tutte le posizioni più o meno osè, evidente comunque il fine privato, la partita di coppia.

La foto però che mi ha colpita è quella con la lingua fuori tanto esterna alla bocca da obbligarla ad una contorsione del suo bel viso. La trovo inquietante, un'immagine che mi ha ricordato quella di Meredith, la ragazza uccisa a Perugia. Inquietante più di quelli censurati.

Ma se i curiosi vogliono conoscere tutti i particolari del fumettone nato e consumato al profumo di cloro, eccovi serviti, qui di seguito troverete in ordine cronologico tutta la storia.

Lei, francese, è la principessa delle piscine ammirata per il suo talento ma anche per la sua avvenenza, fisico da modella e se qualcuno ha dubbi basta sbirciare sulle suddette foto, viso da madonnina con sguardo ammiccante, capricciosa quanto basta per il suo ruolo di diva.
Oltralpe supera per fama anche il mitico Zinédine Zidane, tanto da essere proclamata a gran voce la nuova Marianna e da attirare sponsor come nessuno mai alla sua età menche meno nel nuoto.

Lui, Luca Marin, piu o meno coetaneo, è uno dei talenti azzurri con all'attivo alcuni podi tra mondiali ed europei , siciliano caliente dai tratti tipici mediterranei con sguardo alla Rodolfo Valentino.

Tra i due nasce un amore in quel di Budapest in agosto 2006. Galeotta fu la festa finale dei campionati continentali e, come spesso succede a dispetto delle tradizioni, lui lepre e lei cacciatrice. Nasce la storia che ovviamente fa il giro delle piscine e diventa poi gossip in tutto e per tutto quando lei, udite udite, lascia la Francia per stare vicino a Luca. Oltralpe si scatena un vero putiferio, si parla di tradimento, rapimento, boicottaggio… Si parla di tutto e di più ma Laure mette a zittire l'intero paese dichiarando che sceglie l'amore.

Per vincere deve essere serena, quindi per questo si trasferisce nella nostra bella Italia. Fidanzatini stile Peynet, si fanno immortalare nel parco del Valentino a Torino, città dove pensano di vivere, Luca si è trasferito da Ragusa per ragion di nuoto.

Mano nella mano, baci pudicamente sfiorano le labbra, coccole da adolescenti con progetti da adulti. Lei giura amore eterno, lui le regala un solitario, si viene poi a sapere nella puntata degli stracci che il valore dell'anello è di 15.000 euro. Luca si deve allenare però al centro federale di Verona, Laure lo vuole seguire,ma riceve l'alto là di Federica Pellegrini, stella nostrana che non gradisce intromissione nel suo orticello della rivale.

Altra puntata al vetriolo crisi diplomatica tra federazioni, alla fine vince la difesa della bandiera , semaforo rosso per la francese che rimane a Torino e passa solo i fine settimana con il fidanzato. Un attimo di tregua per tutti e si torna a parlare di nuoto, ma dura poco.

Il personaggio Manaudou fa troppo gola ai media e allora ecco servito un bel reportage fotografico dove si soffia su un presunto flirt tra Federica Pellegrini e Marin. Apriti cielo, fulmini e saette, pianti e disperazione della bella Laure inducono il bel siciliano a smentire tutto. Torna il sereno ma per poco. Ad accendere il fuoco e a buttar benzina arriva una presunta, o vera, manipolazione della francesina per ottenere una firma ad un contratto con uno sponsor tecnico. Firma che secondo manager e famiglia è stata estorta approfittando della buona fede della ragazza che invece aveva delegato ogni contratto al padre, quindi nulla.

Poi lei si ribella alla società torinese che l' aveva tesserata in Italia, Laure è pur sempre un cavallino di razza e i dictat la fanno imbizzarrire. Per un mese si va vanti a colpi di denunce o presunte tali, richieste di risarcimento milionarie, danni di immagine e chi più ne ha più ne metta. Ora sembra che il tutto sia ora nelle aule dei tribunali.

L'amore per l'Italia svanisce, troppe incognite e poi comunque è costretta a stare lontano dal suo Luca. Il pendolarismo tra Torino e Verona pesa, centinaia di chilometri tra loro ore e ore di treno raffreddano un po' la passione. Laure torna in Francia, con il suo talento un allenatore vale l'altro quindi tanto vale affidarsi al fratello, di un solo anno più grande, almeno rimane tutto in famiglia. La lontananza si sà è difficile, gli allenamenti su e giù per le vasca sono monotoni, sola non sa stare, ha bisogno di coccole, di affetto, di sentirsi amata, in fondo è pur sempre una diva!

E così stanca di fare la vedova bianca colpo di testa e senza avvertire change l'homme. Fuori Marin e dentro Benjamin Stasiulis, dorsista sconosciuto che, infiammato dal sacro fuoco di Laure, sale a sorpresa sul podio degli europei indoor.

Il resto è noto, dobbiamo solo scoprire chi ha messo le foto in rete. Certo, anche uno sceneggiatore anche di grido che non poteva arrivare se avesse dovuto inventare una trama su una love story tra adolescenti nata e tra le corsie di una piscine e affondata nel mare del cattivo gusto. Ora rimane il giallo che una volta risolto avrà strascichi poco sportivi!

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017