Excite

Immensa Pellegrini, è ancora lei la regina dei 400 stile

E’ ancora immensa Federica Pellegrini, la nostra eroina azzurra capace di tornare a vincere sui quei 400 metri che già a Roma la incoronarono campionessa mondiale e che a Shangai, 2 anni dopo, la riconfermano la più veloce al mondo in questa distanza.

Rivivi su Excite le prove dei nostri azzurri ai Mondiali di Shangai 2011

4'01''97 il tempo che le permette di portare a casa la prima medaglia d’oro in piscina in questi Mondiali, un tempo ottenuto senza costumoni, ma solo con le braccia che spingono veloci e le permettono di mettersi dietro di oltre 2 secondi la britannica Rebecca Adlington (4'04''01) e campionessa olimpica in carica e la francese Camille Muffat (4'04''06).

Guarda il programma di tutte le gare dei Mondiali di Shangai 2011

Ho ritrovato sensazioni che mi mancavano da due anni – dice Federica dopo la sua immensa prova - Questo oro rispetto a quello di due anni fa è diverso. Io, soprattutto, sono cambiata anche nel modo di affrontare la gara. Ora sto bene, mangio e dormo, sono tranquilla. Dedico loro la vittoria. Siamo un gruppo rimasto compatto, sono contenta di loro’. Molto contento anche Philippe Lucas, il tecnico della 23 enne azzurra: ‘E' una bella vittoria, una gara costruita bene. Federica è stata bravissima, ma ringrazio tutto lo staff’.

Guarda tutti i risultati di tutte le gare disputate ai Mondiali di Shangai 2011

Ma in vasca c’erano anche gli azzurri della staffetta maschile 4x100 composta da Luca Dotto, Marco Orsi, Michele Santucci e Filippo Magnini che però purtroppo si devono fermare al 4° posto non centrando il podio di pochissimo, podio che si spartiscono Australia, oro in 3'11''00, Francia (3'11''14) e Stati Uniti (3'11''96).

Infine una bella soddisfazione per Fabio Scozzoli che centra il record italiano nei 100 rana stabilendo in 59''83 il nuovo record italiano e terzo miglior tempo dietro al norvegese Alexander Dale Oen (59"37) e al giapponese Kosuke Kitajima (59"77), il che vuol dire accesso diretto alla finale: ‘Aver fatto oggi il record italiano è una marcia in più per domani. Sono contento, domani sarò ancora in corsia 3 ancora di fianco ad Alexander. A Budapest disputai le semifinali al suo fianco e mi sballò la gara, adesso ho più cognizione dei miei mezzi, della mia nuotata e conosco meglio i miei avversari. Sapevo di essere lì, di poter nuotare quel tempo. Penso che la mia posizione in gara fosse la migliore, anche se il norvegese è il numero uno e non sbaglia niente’.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020