Excite

Isner vince il match più lungo di sempre, 11 ore!

Alla fine ce l’hanno fatta ed a spuntarla è stato lo statunitense John Isner che, dopo le 10 ore di ieri, ed altri 65 minuti oggi è riuscito a battere il francese Nicolas Mahut con l’assurdo punteggio di 6-4 3-6 6-7 7-6 70-68. Magie di Wimbledon sì, solo qui infatti un cavillo nel regolamento permette che accada una cosa simile, quel che è certo è che i due hanno dato vita alla partita più lunga della storia: 183 game complessivi per 11 ore e 5 minuti di battaglia: 2 ore e 54 martedì per i primi 4 set, 7 ore e 6 minuti mercoledì fino al 49 pari del quinto e un'ora e 5 minuti oggi, senza contare gli ace, con Isner che ne totalizza 112 mentre Mahut si è fermato a 103.

Insomma archiviato anche questo match assurdo è stato tempo di italiani con tre azzurri che si qualificano alla fase successiva, ovvero Flavia Pennetta che chiude 6-1 6-1 contro la rumena Monica Dulgheru, Sara Errani che ha battuto Arantxa Parra Santonja per 6-2 6-2 ed ora se la vedrà con la polacca Agnieszka Radwanska, ed infine Fabio Fognini, che recupera due set di svantaggio e chiude 6-3 al quinto contro lo statunitense Michael Russell.

Peccato invece per Andreas Seppi che è stato eliminato da un modestissimo Tobias Kamke, numero 126 del mondo, e stessa sorte anche per Alberta Brianti, Romina Oprandi e Roberta Vinci: la prima perde 6-2 6-0 contro la polacca Agnieszka Radwaska, la Oprandi si arrende 6-1 6-1 contro la romena Alexandra Dulgheru ed infine la Vinci cede ad Anastasia Pavlyuchenkova.

Infine una nota regale: è tornata a Wimbledon (l’ultima volta fu nel 1977) la Regina d’Inghilterra Elisabetta II a seguire l’idolo casalingo Andy Murray, il quale dopo aver sofferto un po’ nel primo set contro il finnico Jarkko Nieminen alla fine ha chiuso i conti per 6-3 6-4 6-2.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018