Excite

Kimi c’è, a Singapore si va per vincere!

Ci siamo! Domenica la Formula 1 tornerà a parlare di macchine, motori e sport: ironia del destino proprio da Singapore, luogo del delitto per Renault e Briatore, terreno d’inchiesta per i commissari Fia. Ma volendo tralasciare questa spinosa vicenda almeno per un po’ e parlare di automobili, in primis la rossa, Kimi Raikkonen attraverso il suo blog ha raccontato le sensazioni riguardo questa pista e la sua voglia di fare bene.

"Quest'anno più il tracciato è lento più andiamo bene. Dobbiamo essere perfetti e avere un pizzico di fortuna. Sarebbe fantastico sentire ancora il sapore della vittoria". Ottimismo dunque in casa Ferrari, specie se poi pensiamo che a Kimi correre di notte piace: "Sono contento di andare a Singapore. È una città molto bella, mi piace il cibo e non mi dà fastidio l'orario serale. E poi è un altro circuito cittadino e quest'anno più il tracciato era lento e più siamo andati bene noi, vedi Valencia e Monaco: non c'è motivo perché non sia così anche a Singapore".

L’anno scorso “vinse” Alonso, e tutti si chiedono oggi come si possibile che quella vittoria non gli sia stata revocata dopo tutto ciò che è successo, ma il pilota finlandese pretende che le cose quest’anno siano diverse:"Ho un conto in sospeso con questa gara. L'anno scorso sono finito contro il muro nelle ultime fasi della corsa quando stavo lottando per il quarto posto con Glock: è un ricordo che ancora mi infastidisce. La prima gara in notturna ha suscitato l'entusiasmo di tutti. A parte un paio di punti nelle vie di fuga, l'intero tracciato era illuminato alla perfezione: non c'era alcuna differenza con la luce naturale. Come in tutte le piste di questo tipo, i sorpassi sono quasi impossibili. Il Kers sarà un vantaggio ma non farà la differenza come a Spa o a Monza".

L’obiettivo minimo è centrare almeno il podio affinchè le Ferrari riescano a centrare almeno il terzo posto in classifica: "Sarebbe bello mantenere il terzo posto nella classifica costruttori - sottolinea il finlandese - ma sarà molto difficile. Negli ultimi quattro GP abbiamo portato soltanto una macchina in zona punti e ora c'è bisogno anche del contributo della seconda vettura. Sono sicuro che grazie alla sua esperienza Giancarlo sarà in grado di farcela. Di queste quattro corse – conclude Raikkonen -, direi che Singapore è quella che più si adatta alla Ferrari. Per provare a vincere dobbiamo andare oltre la perfezione e avere anche un pizzico di fortuna ma dopo averlo riassaggiato a Spa sarebbe fantastico sentire ancora una volta il sapore della vittoria".

 (foto © LaPresse)

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017