Excite

La Cina è alle porte! Come sta il motore Ferrari?

E’ già tempo di Cina e visto come si messe le cose fin’ora è normale che in casa Ferrari, ma in generale un po’ in tutte le scuderie, il clima sia tutt’altro che disteso. A preoccupare ci sono un po’ di dati non certo allettanti come la vittoria di Vettel che lo ha proiettato subito davanti, e la sua Red Bull fa davvero paura, ma soprattutto si teme per l’affidabilità del motore che ha lasciato Alonso al palo in Malesia.

La buona notizia però c’è e viene da Felipe Massa, leader della classifica anche se di un soffio e mai così tanto affamato di vittoria: ‘Mi sento davvero in forma - ha commentato il brasiliano - buona parte dei giorni successivi alla gara della Malesia li ho passati allenandomi. Nel mio condominio c'è una palestra e non è mai molto frequentata quindi ho potuto fare tutto quello che volevo in pace e con calma. In ogni caso, il tempo è già piuttosto buono a Monaco così ho potuto anche andare un po' in bicicletta e fare jogging’.

In più pare ci siano stati degli accorgimenti rilevanti sulla vettura e la cosa sembra dargli ancora maggiore entusiasmo: ‘Non vedo l'ora di sperimentare le nuove soluzioni, dovrebbero darci un po' più di prestazione. Se sarà così, allora potremo affrontare al meglio la sfida con le Red Bull e le McLaren. Al solito le testeremo soprattutto nelle libere del venerdì. Spero che la nostra macchina sia competitiva anche su questa pista e che ci consenta di portare a casa un buon bottino di punti’.

Ma le notizie più importanti le dà, per fortuna, Luca Marmorini, non a caso il responsabile di motori ed elettronica di Maranello: ‘Abbiamo svolto un'approfondita investigazione, siamo certi che in Malesia il motore di Alonso si è rotto a causa di un cedimento di un componente strutturale, una cosa che non era successa nei test invernali. Pensiamo che abbia avuto un ruolo l'anomalo utilizzo del propulsore determinato dal problema al cambio verificatosi sin dall'inizio della gara. Inoltre, non c'è nessuna correlazione con i guasti avuti dalla Sauber nell'ultima gara, dovuti a problemi con dei sensori elettronici. In base al regolamento, ogni pilota può usare otto motori durante il campionato e l'utilizzo viene programmato attentamente. Come misura precauzionale avevamo deciso di non usare i motori impiegati in gara in Bahrain nel GP successivo, in Australia, ma saranno utilizzati in Cina una volta valutate con attenzione le condizioni dopo quanto era accaduto a Sakhir’. Insomma speriamo bene che questo motore non faccia le bizze…

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019