Excite

La Ferrari ha deciso ed è pronta a lasciare il Mondiale

E adesso che fai Mosley?Eh si perché la Ferrari ha fatto la mossa decisiva, Montezemolo ha puntato i piedi insieme a tutto il Cda della Ferrari, cosa che lo ha reso molto forte da far suo, e il documento ufficiale del quale vi proponiamo le parti più interessanti non lascia spazio a dubbi. Il punto è semplice, o il buon Max la pianta di fare tutti questi giochetti di tetti di spesa fissati, due Mondiali separati per categorie di serie A e B e tutto il resto, o la Ferrari se ne va dal Mondiale, pronta a ripartire con un Mondiale diverso, magari insieme ai big team della F1 Bmw, Mercedes, Renault e Toyota che sono all’esasperazione come il team del cavallino.

Il CdA ha esaminato gli sviluppi legati alle recenti decisioni prese dalla Federazione Internazionale dell’Automobile nel Consiglio straordinario del 29 aprile 2009 che prevedono - per la prima volta nella storia della Formula 1 - un Campionato 2010 con un doppio standard regolamentare, basato su regole tecniche e parametri economici arbitrari.

Vai al sondaggio e dai la tua opinione sul futuro della Ferrari e della Formula 1

Il Consiglio ritiene che se questo sarà il quadro normativo della futura Formula 1, verrebbero definitivamente meno le ragioni che hanno motivato la presenza della Ferrari nel Campionato Mondiale durante sessanta edizioni, unico costruttore ad avervi ininterrottamente partecipato fin dalla sua istituzione nel 1950.

Il Consiglio ha anche espresso disappunto per il metodo seguito dalla FIA nell’adottare decisioni così gravi rifiutando un’effettiva concertazione con i costruttori ed i team; ciò è avvenuto in spregio alle regole di governance che hanno contribuito allo sviluppo della Formula 1 negli ultimi 25 anni, nonché a chiari impegni contrattualmente assunti con la Ferrari dalla Federazione stessa in materia di stabilità regolamentare Norme uguali per tutti, stabilità di regolamenti, continuità del metodico e progressivo lavoro di diminuzione dei costi da parte della FOTA e governance della Formula 1 sono le priorità per il futuro.

Se questi presupposti indispensabili non saranno rispettati e se i regolamenti decisi per il 2010 non cambieranno, la Ferrari non intende iscrivere le proprie monoposto al prossimo Campionato del Mondo di Formula 1. La Ferrari confida che i tanti tifosi nel mondo comprenderanno come questa dolorosa scelta sia coerente con il comportamento che la Scuderia ha sempre tenuto nel difendere i valori sportivi e tecnici dell’automobilismo e della Formula 1 in particolare.

Eh eh…scacco matto e Mosley con le spalle al muro, d’altronde la Ferrari è nel Mondiale da sessant’anni, la Ferrari è il Mondiale di F1, se a questa poi ci aggiungi le altre scuderia al top la frittata è fatta, chissà se Mosley pensa che al pubblico piacerà un Mondiale fatto da Brawn Gp e Toro Rosso?

Chi ha capito che la situazione è brutta, e che forse è il caso di fare qualche passo indietro è sempre Ecclestone, che in questa partita ricopre il noioso ruolo di mediatore che dice che andrà tutto bene, come ha dichiarato anche oggi: “La Ferrari non e' stupida. Non vogliono lasciare la F1 e noi non vogliamo perderla per cui si troverà un accordo”. Adesso sta a Mosley fare la sua mossa…vedremo se terrà di più alle sue idee o alla credibilità di questo sport.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017