Excite

La fiaccola olimpica arriva in India

Proseguono i disordini al passaggio della torcia olimpica. L'ondata di protesta non si arresta e a Nuova Delhi in India davanti all'hotel Le Meridien, dove è ospitata la fiaccola, sembra siano stati arrestati 40 monaci tibetani per i disordini creati durante la loro manifestazione. L'India ospita il Dalai Lama, il governo tibetano in esilio e circa 130mila rifugiati tibetani.

Secondo il "The Times" indiano la città è completamente blindata. Sul territorio sono stati dispiegati 20mila agenti incaricati di mantenere l'ordine al passaggio della torcia olimpica che è arrivata nel Paese dopo aver toccato il Pakistan. I primi disordini sono stati registrati già ieri quando 43 tibetani sono stati arrestati per la loro protesta davanti all'ambasciata cinese di Nuova Delhi.

Il percorso della fiaccola in India è stato ridotto da 9 a 2,3 chilometri. Prima che scoppiassero le proteste in Tibet, infatti, la fiaccola avrebbe dovuto attraversare Nuova Delhi e Mumbai, quest'ultima tappa è però poi stata cancellata per questioni di sicurezza. Il governo tibetano in esilio ha fatto sapere di aver esortato i manifestanti a portare avanti le loro proteste in modo non violento. "Abbiamo detto ai dimostranti che queste proteste devono essere pacifiche. Devono restare non-violente - ha spiegato Thubten Samphel portavoce del governo in esilio del Dalai Lama - è molto importante non creare imbarazzi all'ospite e questo significa chiedere ai tibetani di far sì che la protesta sia pacifica. Possono esprimere i loro sentimenti, ma non creare inconvenienti al governo indiano".

Nel frattempo al Comitato Olimpico Indiano sono pervenute altre defezioni. Dopo il calciatore buddista Bhaichung Buthia e l'ex superpoliziotta Kiran Bedi, anche la star del cricket Sachin Tendulkar ha comunicato la sua assenza nella squadra dei tedofori. Sabato la torcia olimpica è attesa in Thailandia. Anche qui si annunciano proteste. Pok Pong Lawansiri, coordinatore per la Thailandia del "Network per un Tibet libero", ha detto che la manifestazione vedrà coinvolti studenti e attivisti pro-diritti umani. "La nostra manifestazione pacifica coinciderà con la staffetta per la torcia olimpica che avrà luogo a Bangkok sabato prossimo - ha poi spiegato Lawansiri - saremo un centinaio e ognuno di noi avrà un cartello con il nome delle vittime degli abusi in Tibet".

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017