Excite

La riscossa di Caster Semenya

Reduce da prestazioni deludenti dopo il rientro dal lungo periodo di stop dovuto ai dubbi sulla sua sessualità, Caster Semenya si rilancia e pensa al suo futuro, sbattendo la porta in faccia a tutto ciò che è successo: ‘Non mi interessa cosa dicono gli altri, mi concentro solo sul futuro, sui Giochi del Commonwealth e su Londra 2012’, spiega la campionessa del mondo sugli 800 metri.

E così dopo il 9° posto di Rovereto, dove tra l’altro si è imposta la nostra azzurra Elisa Cusma, la Semenya è pronta per giocare le sue carte giovedì prossimo alla Notturna di atletica leggera: ‘A Rovereto non è andata come credevo, tutto sommato il 2010 rimane un anno positivo perché ho ripreso a correre dopo un lungo riposo forzato. Qui a Milano farò meglio, non sono un'automobile cui basta la benzina per funzionare: sono tornata alla normalità, devo sentirmi bene con il mio corpo per andare forte’.

E' stato un anno difficile ma allo stesso tempo ho avuto modo di stare con la mia famiglia – conclude la ragazza -. Essere forti fisicamente non basta: serve anche esserlo mentalmente. La concentrazione è fondamentale: non mi interessa quel che dice la gente, io in questo momento penso soltanto al mio futuro’. Le fa eco il suo manager Arkonen: ‘A volte i media dimenticano che Caster ha solo 19 anni e dopo la sua prima vera stagione ha subito uno stop di 11 mesi’.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019