Excite

Molinari vince in Giappone, non ci sono più limiti!

Molinari è sempre più forte, e questa ormai è una concreta realtà. A sancire questa realtà è stato il Dunlop Phoenix, una delle gare più rappresentative del Japan Tour che ha avuto luogo al Phoenix Country Club (par 71) di Miyazaki.

Una prova difficile, in pratica un uno contro uno contro lo svedese Robert Karlsson che alla fine è andato al playoff contro Molinari dopo che i due hanno chiuso i 4 giri del torneo con 271 colpi, -13 rispetto al par, con l’italiano che riesce a chiudere nel finale e a mettere le mani su un torneo che tra i vincitori annovera anche Tiger Woods nel 2004 e nel 2005.

Un successo straordinario per il golf azzurro che conquista il suo 25° successo in campo internazionale, senza contare il copioso assegno da 300mila dollari staccato a fine incontro, un risultato molto importante anche a livello di classifica mondiale, dato che ora Molinari è entrato di diritto nei top 100 del ranking internazionale.

Molinari neanche a dirlo è al settimo cielo per una prova strepitosa, come racconta a Gazzetta.it: "Ho giocato molto bene tutta la settimana, ma oggi dalla 9 in poi non ho più sbagliato neanche un colpo ed era l’unico modo per portare a casa questa vittoria con Karlsson che mi è parso in grande forma". Ma Edoardo sembra aver prese sempre più consapevolezza dei suoi mezzi proprio durante lo spareggio, tanto che: "Durante lo spareggio ero molto tranquillo – racconta -. Alla prima buca di playoff abbiamo tirato al birdie tutti e due da 5 metri ma abbiamo fatto due putt brutti, prima Karlsson e poi io. Alla seconda buca di playoff invece io ero con il secondo colpo in bunker vicino alla bandiera, mentre Robert dopo un brutto drive ha dovuto fare un lay up a circa 80 metri dal green. Da lì è andato lungo di 6 metri con l’approccio e non ha imbucato il difficile putt in discesa. Io invece dal bunker ho fatto un bel colpo a 1 metro e mezzo e poi ho imbucato il putt per vincere il torneo".

Ma non si fa tempo a festeggiare che giovedì già sarà impegnato in squadra con Francesco Molinari nella Coppa del Mondo in Cina: "Speriamo di entrare nei primi 5, sarebbe un risultato incredibile viste le squadre che partecipano quest’anno. L’ideale sarebbe arrivare a 9 buche dalla fine vicini ai leader, poi ce la potremo giocare con tutti". "Voglio ringraziare tutte le persone che mi hanno aiutato a raggiungere questi risultati – conclude Edoardo Molinari -. In particolare vorrei ringraziare Daniele Tognaccini, preparatore atletico del Milan, che mi segue da qualche anno con MilanLab e ha fatto un lavoro straordinario sulla mi preparazione atletica da quando abbiamo iniziato a lavorare insieme".

 (foto © LaPresse)

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017