Excite

Mondiali di Shangai, si chiude tra l’oro al Settebello ed il gossip tutto italiano

Con la straripante vittoria del Settebello per 8-7 in finale con la Serbia, una vittoria magica che il ct Campagna ha deciso di dedicare al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, si è conclusa anche l’esperienza dei Mondiali di nuoto di Shangai 2011, una manifestazione che sotto tanti aspetti ci ha visti protagonisti.

Rivivi su Excite le prove dei nostri azzurri ai Mondiali di Shangai 2011

Intanto in vasca dove grazie ai due ori della Pellegrini e a quello del Settebello l'Italia chiude al quinto posto con 3 ori, 4 argenti e 2 bronzi, alle spalle di Stati Uniti (17-6-9), Cina (15-13-8), Russia (8-6-4) e Brasile (4-0-0), seconda nazione europea delle sei nelle prime dieci posizioni (Gran Bretagna 6a, Australia 7a, Francia 8a, Olanda 9a, Grecia 10a): un buon risultato tutto sommato.

Ma l’Italia è stata anche al centro del gossip mondiale per il triangolo Magnini-Pellegrini-Marin, tutte vicende che hanno condizionato le prove in vasca soprattutto dei due maschietti che non si sono nemmeno qualificano rispettivamente nelle finali stile libero e 400 misti. Proprio ieri è arrivata l’ultima delusione e Marin ha voluto raccontare la sua verità a mezzo stampa.

Mi dispiace perché la finale era alla mia portata, bastava 4'16". Purtroppo ho perso cinque chili negli ultimi venti giorni, mi manca l'esplosività e la chiusura. Sono molto amareggiato perché è la prima finale a cui non partecipo dal decimo posto delle Olimpiadi di Atene 2004 – inizia Luca Marin, che poi scende nei dettagli -. Io ho la coscienza a posto, altri non lo so... - dice il nuotatore siciliano -. Sono molto deluso da tutta questa storia, ma non è questo il momento e il luogo per parlarne: lo farò comunque e racconterò come sono andate le cose. Io sono ancora innamorato e tutta la vicenda mi fa male: ma da questa storia ho capito tante cose e sono sicuro che mi aiuterà a tornare più forte di prima’. Infine la stoccata: ‘Desidero salutare Emiliano Brembilla, il vero capitano di questa squadra e Massimiliano Rosolino, diventato papà. La storia adesso è finita’.

Insomma tra medaglie e gossip anche il Mondiale và in archivio, sperando naturalmente che a Londra le cose vadano meglio sotto tutti gli aspetti, d’altronde certe occasioni nella vita non si ripresentano.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020