Excite

Montezemolo critico con la Fia: “Situazione negativa”

"Credo che sia veramente assurdo, grave e pericoloso che, a una settimana dall'inizio del primo Gran Premio, la F.1 si ritrovi in una situazione di questo genere, che è molto negativa per la credibilitá, la certezza, le squadre, le case automobilistiche, i tifosi, voi giornalisti e chi investe come sponsor". Sono state queste le dure parole di un Luca Cordero di Montezemolo innanzitutto seccato e senza dubbio deluso dalle decisioni prese dalla Fia in merito all’assegnazione del titolo in F1 per la stagione 2009.

"Auspico un clima di responsabilitá, che da parte di noi squadre è giá iniziato con la riduzione dei costi del 50%", continua Montezemolo sostenendo di credere che "è più importante avere un clima più sereno ed evitare continui cambiamenti che generano sconcerto, per chi lavora preoccupazione e qualche punto interrogativo per le scelte per il futuro".

E ad appoggiare le parole di Montezemolo c’era anche a Maranello il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che ha approfittato dell’occasione per provare la Ferrari 612 Scaglietti, guidata nientemeno che da Montezemolo stesso: "Tutto a posto – ha commentato alla fine della corsa -. Con il presidente Montezemolo non si arriva a provare il brivido. È responsabile".

In auto insieme a loro, un po’ strettini nei sedili posteriori, anche Massa e Raikkonen, per un piacevole giro prima di andare a visitare l’azienda Ferrari, cosa alla quale il Presidente Napolitano teneva moltissimo.

"Questa visita - dice Napolitano - la faccio per un impulso egoistico perché quando si vede un luogo di lavoro come questo, con tecnologie avanzate e con uno splendido capitale umano si ricevono grandi motivi di fiducia e anche incoraggiamento personale nel lavoro che devo fare io". "Il mio lavoro - continua - è un po’ diverso dal vostro, ma credo che richieda la stessa fiducia nell’Italia, lo stesso amore e la stessa volontà di lavorare insieme per uscire dalle difficoltà di questo momento e per aprire una nuova prospettiva di sviluppo, per chi lavora e chi ancora non lavora nel nostro Paese". Dopo un breve saluto con il pilota Kimi Raikkonen Napolitano ha aggiunto: "L’orgoglio che sentite voi lo sento anche io per la Ferrari. Mi spiace non venire in Australia con voi".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017