Excite

Mosley fa un passo indietro e scrive ai team

"Iscrivetevi senza condizioni al Mondiale 2010 e faremo insieme le regole per la nuova F.1". Comincia così la lettera di Max Mosley rivolta ai team di Formula 1, quasi un appello al buon senso, un piccolo passo indietro dovuto ad una situazione che diventa ogni giorno più grave, chiedendo una risposta nei tempi più brevi possibile.

Si perché i team si sono iscritti al Mondiale 2010, ma la riserva espressa in quel momento è un elemento di disturbo non indifferente per il patron della Fia, che a conti fatti di certezze ne ha ben poche, e forse anche per questo è stato costretto a tornare almeno in parte sui suoi passi, anche se c’è chi sostiene, possa trattarsi di una mossa strategica.

L’ultima scadenza, quella del 12 giugno si avvicina, data entro la quale Mosley dovrà comunicare il nome dei 13 team che dovranno partecipare al Mondiale 2010, e le candidature non sono mancate, sarebbero già 20 infatti le squadre candidate alla nuova stagione, comprese, con tutte le riserve del caso, gli 8 team “ribelli”: Ferrari, McLaren, Bmw, Renault, Red Bull, Toro Tosso e BrawnGP.

L’articolo 66 del codice sportivo internazionale evidenzia infatti che è possibile modificare il regolamento solo se tutte le scuderie sono d’accordo sulle modifiche, va quindi da sé che per far si che esso cambi tutti i team devono essere iscritti, anche se ha dell’assurdo modificare un regolamento che in essere ancora non è stato approvato da tutti i team.

"Ma nel momento in cui abbiamo una lista di tutte le iscrizioni confermate — ha aggiunto — possiamo effettuare i cambiamenti, a condizione che ci sia il necessario accordo unanime". Starà ora ai team decidere cosa fare, e questa dovrebbero essere “la strada meno complicata" per risolvere la questione.

Fatto sta che dalla Fota, l’associazione dei team, di risposte ancora non ne siano arrivate, anzi, il vice presidente John Howett ha spiegato: "Non sono in grado di commentare la lettera", infastidito anche molto dal fatto che Mosley abbia deciso di dare la lettera in mano alla stampa prima di sottoporla agli interessati. Tutto questo complica ancora di più la situazione, e nell’aria sembra esserci aria di ribaltone, ovvero la possibilità di cacciare Mosley prima delle elezioni d’autunno, specie ora che le squadre hanno trovato nella della Gpda, il sindacato dei piloti, un alleato molto prezioso.

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017