Excite

Nuovo scontro: stavolta Simoncelli contro Lorenzo

Quest’anno và così, in Moto Gp si litiga! Saranno i tanti campioni del mondo in pista, sarà che quest'anno tutti ci credono davvero, ma dopo la celebre litigata Rossi-Stoner che ha tenuto banco in questi giorni, nasce un altro dualismo: Lorenzo-Simoncelli.

Rossi e Stoner non se la mandano a dire: la litigata

Tutto si scatena in conferenza stampa dove il Sic, dopo le libere che lo hanno visto chiudere 2° dietro proprio allo spagnolo della Yamaha, avrebbe risposto alle provocazioni lanciate dal campione del mondo che lo avrebbe definito un ‘pilota troppo aggressivo’, ricordando anche il loro scontro in pista di Valencia dello scorso anno.

Qualifiche Gp Portogallo 2011: Lorenzo strappa la pole a Simoncelli

Ebbene i due non si sono trattenuti e davanti a tutto e tutti hanno dato vita ad un interessante scontro verbale: ‘Ho letto delle dichiarazioni di Lorenzo riguardo il mio stile di guida - ha detto Simoncelli - secondo me si sbaglia perché ha detto che a Valencia io l'avrei toccato rischiando di farlo cadere. E' falso perché in realtà io ero davanti, lui ha cercato di passarmi e ha commesso un errore. Ha sbagliato esempio’.

Calendario, piloti, biglietti ed il nostro sondaggio: tutto quello che devi sapere sulla Moto Gp

Per quanto mi riguarda, ho usato le parole giuste – ha risposto stizzito Lorenzo - non è un problema, se non succede nulla in futuro. Vediamo che succede in futuro’. Steccata raccolta dal Sic: ‘Hai toccato un sacco di volte altri piloti. Quante volte è successo a me di non cadere o toccare qualcuno?’. E ancora Lorenzo: ‘È la tua opinione credo però che molta gente qui al paddock e altri piloti la pensino come me. Chiedi ad Andrea o a Hiroshi. Ripeto, se in futuro non succederà nulla bene, altrimenti sarà un problema’.

A questo punto a far saltare i nervi a Lorenzo ci hanno pensato anche alcuni giornalisti che si sono messi a ridacchiare: 'Non c'è nulla di divertente - ha tuonato - qui si rischia la vita. Si corre a 300 orari con moto pesanti, non con mini-moto. Bisogna pensare bene a quello che si fa in pista. Io posso sbagliare, ma quando corro penso alle cose almeno due volte, non sono mai impulsivo perché una cosa è giocare con la tua salute, un'altra con la salute di un rivale’.

Fine dei discorsi… ora si passa alla pista e questi due partiranno appiccicati l’uno all’altro (uno in pole ed uno 2°), come si dice ‘versare benzina sul fuoco’.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020