Excite

Rossi e Stoner si bacchettano, è guerra aperta

Eccoci qui… guerra sia! Tra Rossi e Stoner dopo lo scivolone del Gp di Jerez costato carissimo all’australiano il clima è sempre più teso, ed ecco che in Portogallo, tra un’intervista e l’altra, arrivano le steccate reciproche dei due piloti.

Calendario, piloti, biglietti ed il nostro sondaggio: tutto quello che devi sapere sulla Moto Gp

Comincia Stoner: ‘Mi hanno criticato a fine del 2010, dicendo che non avevo sfruttato il potenziale della GP10. Burgess ha detto che gli servivano solo 18 secondi per sistemarla. Ora lui e Valentino ci lavorano da mesi e non migliorano. Devono tenere la bocca chiusa perché non hanno capito come si guida la Ducati. Adesso forse mi rispettano di più’.

Valentino Rossi si scusa con Stoner... ma lui declina

Bam! Fuori uno, ma mica è finita: ‘Valentino ha scelto di andare in Ducati perché in Yamaha non poteva restare – continua Stoner -, visto che Lorenzo avrebbe vinto il Mondiale e il suo ingaggio non sarebbe stato più giustificato. In Honda non poteva tornare. Quindi ha parlato con Jeremy che gli ha dato garanzie tecniche che ora però sono meno facili da raggiungere del previsto’.

Valentino ha dolore? … Tsk!: ‘Il problema del braccio di Pedrosa, che interessa i nervi, è sicuramente peggiore di quello muscolare di Valentino. Comunque se entrambi guariscono saranno più competitivi. In ogni caso io vado per la mia strada e tutti gli avversari sono ugualmente pericolosi, come le cadute... Voglio vincere il titolo, e non importa chi dovrò battere’.

Pronti per la replica? Valentino di certo non poteva non rispondere: ‘Io francamente - dice Rossi - non ricordo proprio di aver mai criticato Stoner per come guidava la Ducati e non so se qualcuno del mio team lo abbia fatto. Non mi risulta, ma non ne sono responsabile. Il potenziale della moto però fino alle ultime tre gare era effettivamente poco comprensibile’.

Non mi pare che Stoner abbia fatto una stagione incredibile, tanto che poi alla fine nel mondiale mi è finito dietro, anche se io mi ero rotto una gamba – sorride - . Io ho delle esigenze certamente diverse da Stoner, ma non ci trovo niente di male. Mi dispiace per il casino che ho fatto a Jerez, perchè era per me un'occasione per fare più punti e perchè ho coinvolto Casey. A volte purtroppo può capitare. Su questa pista ho uno storico bellissimo, con dieci podi su undici gare corse. Speriamo che vada bene. Se pioverà come dicono poco male, la Ducati, per motivi che non mi spiego essendo molto rigida, sul bagnato va bene. Non credo che userò in gara componentistica deliberata nei test del Mugello, eccetto qualcosa di elettronica per addolcire il motore’.

Capito? Ora le scintille si trasferiscono in pista...

Guarda la scivolata di Rossi su Stoner

Lo screzio tra Stoner e Rossi ai box

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020