Excite

Moto Gp 2012, soddisfazione Lorenzo, rabbia Rossi

  • Infophoto

La Moto Gp ha un padrone incontrastato e si chiama Jorge Lorenzo. Qualora ci fossero ancora dubbi, il pilota della Yamaha ha stravinto pure a Silverstone, quarto successo dall'inizio della stagione terzo consecutivo, portando a 25 i punti di vantaggio su Casey Stoner.

"Sono molto felice per come è andata. Ero sesto, ma poi ho fatto una bella rimonta, con calma perché non volevo rovinare tutto, mi sono divertito tantissimo e con Stoner è stata una bella lotta".

Umori contrastanti in casa Honda. Il pilota australiano si è mostrato insoddisfatto per l'andamento in gara: "Qualcosa non andava e l'ho capito subito, sin dal terzo giro, la moto aveva difficoltà nelle curve a sinistra".

"La gomma posteriore si è distrutta poco dopo la partenza e a fine gara era dilaniata, se a questo si aggiungono i problemi col grip il quadro è completo".

Più soddisfato Dani Pedrosa, terzo a Silverstone ed in classifica generale: "Dopo il primo giro ero solo settimo, ma sono riuscito a migliorare i tempi giro dopo giro ed a superare Dovizioso, Bautista e Spies. Alla fine io e Casey siamo saliti sul podio, un buon risultato per tutto il team".

Se Stoner si lamenta della sua Honda, Valentino Rossi è del tutto imbufalito con la Ducati. Il dottore, nono in Inghilterra, ha accusato ben 20" di distacco dal compagno di squadra Hayden ed è arrivato a chiedere in maniera esplicita "Maggior competitività per la prossima stagione".

L'azienda di Borgo Panigale, insomma, è avvertita: se le cose dovessero andare in maniera diversa da quanto Rossi ha auspicato, il pluricampione mondiale potrebbe decidere di proseguire la carriera altrove.

Adesso i piloti mettono nel mirino il prossimo gp d'Olanda del 30 giugno. Per i delusi di questo primo scorcio di stagione, Rossi in primis, potrebbe essere l'occasione per la rivincita o di una eclissi definitiva.

Intanto, proprio in occasione dell'appuntamento di Assen, verranno studiate delle modifiche per la prossima stagione, sia dal punto di vista tecnico che regolamentare.

La centralina potrebbe essere unica o comunque privata di diverse funzionalità. Più suggestiva la proposta di Livio Suppo della Hrc: addio ai piloti di scuderia. Con 18 gare in stagione, ogni centauro sarà chiamato a disputare 3 Gp con ciascuna marca.

In questo modo i piloti sarebbero sicuri di vincere perché più forti e non per il semplice fatto di montare moto più efficienti ed anche il campionato marche ne acquisirebbe in pathos.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018