Excite

Moto Gp, Valentino fa le prove per Brno

Domenica la Moto Gp torna in Repubblica Ceca: si corre nel circuito di Brno, ed il clima è già molto teso in questo venerdì di prove, anche se gli argomenti che fanno da padrone in queste ora rimangono da una parte il ritiro del ducatista Casey Stoner e dall’altra le vicende che legano inevitabilmente Valentino Rossi ad ogni mossa della Ferrari.

Si perché in molti ci speravano che fosse proprio il Dottore uno di quei possibili candidati a sostituire Massa prima e Schumacher poi sulla rossa ora affidata a Badoer, ma lui fa il punto della situazione: "E' un vero peccato non vedere di nuovo Schumacher sulla Ferrari. Ma io non ho ricevuto offerte – spiega un Valentino sorridente - anche se ho parlato molto con Claudio Domenicali in questi giorni del ritorno di Schumi. Secondo me Michael poteva essere in lotta per la vittoria già dalla seconda gara. Io comunque non posso andare, ho un bel po' da fare, non posso correre in moto e in F1 allo stesso momento".

E poi Stoner, anche Rossi come tanti è dispiaciuto, a differenza di tanti lui però lo è davvero, perché sulle piste verrà a mancare un avversario forte ed onesto: "Certamente avere perso Stoner non è una cosa che può fare bene alla Motogp - ammette Rossi - . Mi piace lottare con lui e spero torni presto in pista. Non so cosa abbia, ma se posso dargli un consiglio è quello di ritornare al più presto, diciamo anche domattina". Se fosse successo a lui che una malattia lo avesse colpito, continua il Dottore “avrebbe dovuto essere qualcosa di fortemente invalidante, qualcosa che non mi avrebbe permesso di salire fisicamente in moto".

Quindi ora la storia si fa a due, fuori Stoner infatti l’unico contendente al titolo di Valentino rimane Jorge Lorenzo, che tra l’altro ha il dente avvelenato dopo la caduta dell’ultimo Gp e le recenti infilate subite da Vale, vedi Barcellona, e anche qui Rossi ha le idee molto chiare: "Non cambia tanto nella lotta per il campionato – sostiene Valentino- magari invece di Stoner il terzo incomodo sarà Pedrosa e magari anche Dovizioso dopo la vittoria di Donington potrebbe essere sempre di più vicino ai primi".

Infine una nota tecnica sull’entrata in vigore della nuova norma restrittiva Fim per i motori che debuttando a Brno, da qui fino a fine stagione, darà la possibilità ai piloti di avere a disposizione al massimo 5 motori: "Con il nuovo regolamento è finita l'epoca del burn out, non potremo più bruciare la gomma posteriore a fine gara per fare il fumo, anche perché rischieremmo la durata dei nostri propulsori. Per fortuna potremo ancora impennare - aggiunge scherzando il Dottore -. Con l'elettronica che abbiamo oggi sulle moto non riusciamo a fare più tanto spettacolo, pensate che avremo anche una strategia di ritorno ai box adesso che c'è la regola dei cinque motori. Un po' come succede nella Formula 1. Sarà un po' meno divertente. Adesso vedremo come vanno questi motori che devono durare di più. Mi aspetto un po' meno potenza. Era necessario per affrontare la crisi, ma è un problema in più ora. Lunedì proveremo alcuni piccoli dettagli da valutare e cercheremo di fare un altro passo in avanti per l'ultima parte della stagione".

Guarda l’incredibile sorpasso di Valentino su Lorenzo nel Gp di Barcellona

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017