Excite

MotoGp, al via in Qatar: dominio Yamaha con Lorenzo più veloce e Rossi terzo

  • Getty Images

La Yamaha c'è, e con lui un ritrovato Valentino Rossi. Certo sono solo le prime libere, ma l'inizio è positivo e si può ben sperare. Le prime prove della stagione 2013 di MotoGp, in vista del Gp del Qatar, sono terminate con il miglior tempo da parte di Jorge Lorenzo.

Il campione del mondo in carica ha chiuso in 1.56.685 davanti ad altre due Yamaha, quella privata di Cal Crutchlow(1.56.743) e la numero 46 di Valentino Rossi. Il Dottore ha dominato la sessione, ma a sei minuti dalla fine si è scatenata la caccia al miglior crono con i suoi compagni di marca e alla fine ha chiuso con 1.56.756, a soli 71 millesimi dal compagno di squadra spagnolo.

Positivo esordio per Marc Marquezche, in sella alla Hondaufficiale ha chiuso con il quarto tempo a 0''591 da Lorenzo. Poi la Ducati con Andrea Dovizioso (1.57.538), mentre l'altro pilota ufficiale della Honda, Dani Pedrosa, ha chiuso soltanto ottavo. Andrea Iannone al debutto nella classe regina ha portato la sua Ducati privata in 12/a posizione.

"Per la prima volta in due anni posso lavorare di fino per mettere a punto la mia M1", ha detto Rossi che un anno fa non sorrideva certo così. "Quando ero in Ducati- ha spiegato - c'era grande aspettativa su di me. Tutti si aspettavano di vedermi davanti, ma io lo sapevo che non sarebbe stato possibile. Con la Yamaha è diverso - ha aggiunto - Sono cresciuto con questa moto. Ho corso con la M1 sette anni, quelli più importanti per me e ci sono degli automatismi che sono tornati subito. Anche quando salgo su questa moto e guido mi trovo comodo, anche quando vado piano. Con la Ducati questo non mi è mai riuscito. Magari qualche altro pilota con la Desmosedici può andare meglio di me. Comunque per me che sono abituato a vincere, quest'anno è tutta un'altra motivazione".

Quella del Qatar non è una pista molto amata dal Dottore che, però, non nasconde le sue ambizioni: "Mi sono preparato bene per il primo turno - ha evidenziato - Io ho un pò questa caratteristica di andare forte subito, almeno nei miei anni buoni. Ora arriva il lavoro quello vero. Mettere al meglio la moto, scegliere le gomme giuste, ma stiamo parlando di dettagli. Posso concentrarmi sulla mia guida cosa che non riuscivo a fare prima". Domani altri due turni di prove libere sempre nella notte del Qatar.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018