Excite

MotoGP Argentina 2015: Valentino Rossi leggendario, Marquez cade dopo il sorpasso

  • Getty Images

Incredibile, infinito, irreale, fantastico, stupefacente, leggendario, emozionante, scegliete un aggettivo a piacere e di sicuro sarà stato già usato per Valentino Rossi. Il Dottore di Tavullia ha impartito una lezione indimenticabile al suo giovanissimo allievo. Il Gran Premio di MotoGP di Argentina ha visto la vittoria imperiale di Valentino Rossi e della sua Yamaha davanti ad Andrea Dovizioso ed a Crutchlow che sostituiva Dani Pedrosa alla guida della Honda.

Valentino Rossi ha disseminato il fine settimana di dubbi e poche aspettative, ma quando si è acceso il semaforo verde si è trasformato nel solito cannibale riportando indietro l'orologio implacabile del tempo indietro di almeno dieci anni anni. Ci ha messo sei giri l'azzurro per superare il compagno di squadra Jorge Lorenzo che sembra l'ombra del campione del mondo di qualche stagione fa.

Leggi il report del Gran Premio del Bahrain

Due giri ed anche Andrea Iannone finisce nel carniere di Valentino Rossi che mette nel mirino le posizioni alte del podio. Al decimo giro cambia la corsa. Rossi passa in staccata il secondo pilota della Ducati. Andrea Dovizioso non può far altro che far passare Rossi. Il distacco tra Rossi e Marquez è di quattro secondi, un margine di sicurezza a metà gara, o almeno così sembra.

Guarda il sorpasso di Rossi su Marquez

Rossi, però, con le gomme dure gira come un indiavolato e lo spagnolo comincia a vedere il suo vantaggio assottigliarsi giro dopo giro. Al diciottesimo giro il distacco e dimezzato. Ormai anche gli spettatori argentini hanno capito che è solo questione di tempo. In due giri Rossi recupera un secondo, ormai Marquez è nel mirino.

Leggi le news sulla MotoGP

L'aggancio avviene al giro numero ventidue e gli ultimi tre giri sono una sfida da raccontare ai nipotini. Rossi cerca in tutti i modi di infilare il giovane fenomeno spagnolo. A due giri dal termine Rossi attacca, Marquez prova a difendersi anche se è nettamente più lento. Il contatto è inevitabile ma ad avere la peggio è il Marcziano che finisce per terra. Il podio è completato da Andrea Dovizioso e da Crutchlow. Si preannuncia una stagione incredibile, mettetevi comodi.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018