Excite

Olimpiadi 2012, Nadal shock: addio ai Giochi!

  • infophoto

Si ritira per scarsa condizione, ma si teme (quasi certo) un riacutizzarsi della tendinite al ginocchio… Ha del clamoroso il forfait di Rafael Nadal. "Con un ginocchio così, impossibile competere", ha ammesso lo stesso campione della racchetta.

Povera Spagna!

Come se non bastasse la fortissima crisi economica, la Spagna subisce così un ulteriore colpo, di quelli che allungano i musi. A poco più di una settimana dall'inizio dei giochi… e chi se lo aspettava! Non lontana la spumeggiante vittoria nel Roland Garros che lo ha consacrato record-man sulla terra rossa di Parigi. Adesso, però, per il maiorchino qualcosa non va e i fantasmi del 2009 (maledetta tendinite) tornano ad angosciarlo. L'armada iberica perde, così, il suo porta-bandiera. Gli avversari, con contenuto dolore, non potranno che rallegrarsi. Chi avrà adesso l'onere di tenere alto il vessillo iberico? Probabilmente, il velista Iker Fernandez, visto che il ciclista Samuel Sanchez (altro aspirante al ruolo), è anche lui in forte dubbio per Londra a causa di una frattura del dito di una mano e la forte contusione ad una spalla riportate la settimana scorsa in una tappa del Tour.

Tra le ultime parole

"Devo pensare ai miei compagni e a cosa è meglio per lo sport spagnolo, questo è uno dei giorni più tristi della mia carriera e non potrò coronare una delle mie più grandi ambizioni, essere porta-bandiera della Spagna alla cerimonia di apertura ai Giochi. Potete immaginare quanto sia stato difficile prendere questa decisione…". Dispiace per Rafael, dispiace se pensiamo che la stessa sofferenza lo aveva penalizzato a Wimbledon e costretto ad annullare la sfida benefica contro Novak Djokovic allo stadio Bernabeu di Madrid.

E’ finita si dice alla fine

Roberto Baggio ha vissuto tutta una carriera con l'etichetta del ginocchio di vetro. Così delicato, così fragile e prezioso. Come fosse di cristallo. Eppure successi, vittorie e gol non sono mai mancati. E, così, dopo di lui Alessandro Del Piero: favoloso inizio di carriera (tra il 1994 e il 1998) poi la giornataccia di Udine e il crac che avrebbe affossato chiunque. Pinturicchio, in seguito, divenne più forte di prima. Nadal puo' stare tranquillo: col carattere che si ritrova, metterà alle spalle questa difficile storia e riprenderà a metterla lì, all'incrocio delle righe.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018