Excite

Bulls sempre più su: stesi gli Knicks. Ok Lakers sugli Spurs

Si legge Bulls ma si scrive Derrick Rose. Il primo verdetto della notte Nba parla di Chicago che asfalta chiunque gli passi davanti, compresi i New York Knicks che, senza Amare Stoudemire (fuori in via precauzionale), si arrendono nel finale.

E allora al Madison Square Garden và in scena l’ennesima prova di carattere dei sempre più leader Bulls che, nonostante abbiano già chiuso il discorso titolo in East ( o quasi) e comincino male, si riprendono alla grande e trascinati da Rose 26 (8/13, 2/6), Deng 23 e Boozer che prende la bellezza di 22 rimbalzi, e riescono a chiudere il discorso 90-103, nonostante Melo (21) e Douglas 18 ci provino a mettere i bastoni tra le ruote: ‘Eravamo un po’ molli nel primo tempo - racconta Derrick Rose - poi però abbiamo cambiato marcia tornando a difendere alla grande’.

Vince anche Portland che supera Memphis 102-89 e si prende la sesta posizione nella Western Conference facendo anche un bel favore agli Hornets di Belinelli. Decisiva la prestazione di LaMarcus Aldridge con i suoi 22 punti e 11 rimbalzi che permette a New Orleans di rimanere in gioco, anche se a questo punto per il beli sarà necessario un successo sui Dallas per centrare il discorso play-off.

Si giocava infine anche Lakers-Spurs, un match per San Antonio giocato con molte riserve in campo, dato infatti il primato in classifica non serviva rischiare, ed un match perso per 102-93 ma che ai Lakers rischia di costare carissimo: si fa male infatti Andrew Bynum che si procura un’iperestensione del ginocchio destro. Senza Duncan, Ginobili e Parker comunque, Bryant ci mette poco a chiudere la pratica con Bryant 27 punti, ben supportato da Odom (23) e Gasol (17). Una boccata d’aria per Los Angeles che arrivava da 5 sconfitte di fila e che ora contro Sacramento mercoledì potrà prendersi la testa di serie numero due nella Western Conference.

Foto: nba.com

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018