Excite

Nuoto, Assoluti Invernali: Dotto e Bianchi super, c'è anche Pellegrini

  • Getty Images

Campionati assoluti invernali di nuoto al via Riccione. Sui blocchi 440 atleti (228 maschi e 212 femmine) di 106 club di cinque nazioni: Italia, Grecia, Olanda, Spagna e Francia.

Ad aprire le competizioni la sfida Paltrinieri-Dettisui 400 stile libero con il primo che ha avuto la meglio conquistando il suo primo titolo italiano della distanza con 3'50”30, con Gabriele secondo a 57 centesimi. “Sono molto soddisfatto dei risultati di oggi e dell'intera stagione di Gregorio e Gabriele e di tutto il gruppo dei mezzofondisti con il quale lavoriamo al Centro Federale di Ostia. I ragazzi cominciano a essere un po' stanchi ed è fisiologico. - ha detto il loro tecnico Stefano Morini - Praticamente non si sono mai fermati ed oltre ad allenarsi hanno anche gli impegni scolastici. Dopo le gare regionali di Coppa Brema si riposano qualche giorno per riprendere in peno la preparazione dal 10 gennaio. Ricominceremo a lavorare cercando di migliorare i particolari, che giunti a questo livello fanno la differenza”.

Arianna Barbieri ha vinto i 50 dorso con 29”01 davanti a Elena Gemo con 29”15 e Carlotta Zofkova con 29”32, mentre Piero Codia ha conquistato il titolo dei 50 farfalla con il primato personale di 23”75. I 200 stile libero li ha vinti Coralie Balmy con 1'59”36 e il titolo italiano lo ha conquistato Alice Mizzau con 2'00”86. Michela Guzzetti ha vinto i 100 rana con 1'09”66 davanti a Giulia De Ascentis con 1'09”94 e Chiara Boggiatto con 1'10”36. “Contenta per il titolo e fiduciosa per l'anno prossimo – ha detto la Guzzetti – è importante continuare in questa direzione. Ai Mondiali? Certo che ci penso. Intanto continuo lavorare sodo e incrocio le dita”. Federico Turrini si è imposto nei 400 misti con 4'16”85 e ha una dedica particolare. “La mia medaglia la voglio dedicare ai Marò che sono in India e stano vivendo una situazione particolare, resta ancora più difficile dal periodo di Natale. Gli auguri di poter riabbracciare presto i loro familiari”, ha detto.

Foto, Dotto: "Avevo perso la fiducia"

Mattia Pesce ha vinto la sfida con Fabio Scozzoli nei 50 rana. Cinque centesimi dividono i due azzurri, mentre è arrivata ancora una conferma per Ilaria Bianchi che ha dominato i 100 farfalla in 58”93. A concludere la sessione mattutina il record italiano di società della 4x100 maschile delle Fiamme Oro Roma con 3'16”38 (Luca Leonardi 48”89, Stefano Pizzamiglio 48”81, Lucio Spadaro 50”14, Marco Orsi 48”54).

La 4x100 mista femminile è stata vinta dal Circolo Canottieri Aniene con 4'09”20 (Federica Sorriso 1'03”76, Giulia De Ascentis 1'09”44, Elena Di Liddo 1'00”61, Federica Pellegrini 55”39). “Qui nuoto le solo le due staffette – ha detto la Pellegrini - Avevo chiesto una wild card per i 100 e 200 dorso e non mi è stata concessa. Riguardo la situazione dell'allenatore, parlerò quando sarà tutto definito. La vasca corta non mi si addice molto, nella lunga le sensazioni sono decisamente migliori. Ad Istanbul ho stilato con Lucas il programma di questo inverso che passeremo in Thailandia con Filippo Magnini e Matteo Giunta in un centro sportivo che ci hanno indicato gli olandesi”.

Nel pomeriggio Francesco Pavone ha vinto i 200 farfalla con 1'58”75 e un secondo di vantaggio su Niccolò Beni, mentre Ambra Esposito ha conquistato i 200 dorso con il record italiano cadette e primato personale di 2'11”01. Flavio Bizzarri ha fatto suoi i 200 rana, Erika Ferraioli è stata la più veloce nei 50 stile libero, mentre nei 100 dorso si impone lo specialista azzurro Mirco Di Tora.

Gli 800 stile libero li ha vinti Martina De Memme che nella prima ha stabilito il record personale di 8'34”9 migliorandosi di oltre due secondi. Primato personale anche per Stefania Pirozzi (nei 200 misti con 2'14”21. A chiudere il programma pomeridiano i 100 stile libero maschili. In vasca sei dei primi 10 atleti azzurri di sempre. La classica della velocità se la aggiudica Luca Dottoche con 48”30 (22”89 ai 50) è davanti a Filippo Magnini con 48”44 e 23”66 al passaggio. Terzo Luca Leonardi con 49”38 e 23”35 a metà gara.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020