Excite

Olmet invita Andy Ram a boicottare il torneo di Dubai

Ehud Olmet, primo ministro uscente dello Stato di Israele invita, senza troppi giri di parole, il giocatore dello stato ebraico Andy Ram a boicottare torneo maschile di Dubai in nome del "patriottismo" e in segno di solidarietà con Shahar Peer, la tennista israeliana esclusa dalla competizione a causa della mancata concessione del visto da parte delle autorità locali.

Una vicenda complicata quella che vede coinvolti appartenenti al mondo politico e sportivo, anche se la triste verità è che in tutto questo rimane solo l’apatia di chi vorrebbe partecipare a delle competizioni sportive ma non può farlo a causa di tensioni politiche che con lo sport nulla centrano.

Ed ecco quindi incalzare il premier israeliano "Sono un po' sorpreso di sentire che Andy abbia deciso di andare laggiù. Sarebbe raccomandabile che qualcuno gli consigliasse di mostrare patriottismo e solidarietà e di boicottare il torneo", al quale proprio non è andata giù la decisione degli Emirati Arabi di escludere la Peer a causa di presunte ragioni di sicurezza prese in considerazione nel timore di azioni ostili contro l'atleta sullo sfondo della "collera popolare" generata dalla recente guerra delle forze israeliane nella Striscia di Gaza.

Intanto anche a Malmoe (Svezia) si fa sentire l’eco di questa vicenda. La città era infatti stata scelta come sede del match di primo turno del World Group di Coppa Davis tra Svezia ed Israele, ma oggi il segretario generale della federazione svedese ha annunciato oggi che la città di Stoccolma ha avanzato una candidatura per il match in programma fra il 6 e l'8 marzo, a causa di diverse manifestazioni anti-israeliane che sono state organizzate per quel giorno.

In tutta onestà, una storia davvero triste dove lo sport centra poco o nulla.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017